Mastercard: il pagamento col selfie arriva in Europa

Si chiama “Identity Check Mobile” ed è il sistema che permetterà di effettuare transazioni semplicemente con una foto. Funziona così

Sono Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Germania, Ungheria, Olanda, Norvegia, Spagna, Svezia e Regno Unito i paesi scelti da Mastercard per testate le potenzialità di Identity Check Mobile, un innovativo sistema di pagamento che consentirà agli utenti di accedere ai loro account e abilitare transazioni semplicemente con il riconoscimento del volto. Invece di inserire lunghe e tediose password, la tecnologia dell’istituto è basata su due forme di autenticazione alternative: la lettura dell’impronta o il selfie. Se il primo metodo è già conosciuto e sfruttato largamente, il secondo porta con sé ancora dei dubbi sull’effettiva sicurezza e contrasto di un accesso non autorizzato. Ma Mastercard è fiduciosa e nel prossimo futuro spingerà sempre di più il “selfie pay”.

Come funziona

Prima di tutto bisogna scaricare o aggiornare l’app di Mastercard sul proprio smartphone e poi scattarsi una foto da memorizzare sui server dell’azienda. A quel punto, il software crea una mappa digitalizzata dei tratti somatici dell’utente, che verrà confrontata ogni volta ci sarà bisogno di autenticarsi per un servizio, che si tratti di pagare qualcosa online o di visualizzare l’estratto conto personale. Vista la possibilità che un malfattore possa mettere davanti alla fotocamera una foto del reale utilizzatore, l’app, prima di procedere con l’operazione richiesta, chiederà di battere le ciglia un paio di volte, così da verificare correttamente la presenza del cliente in carne e ossa. Secondo Mastercard, la funzione renderà non solo più veloci i processi di cashout ma anche maggiormente sicuri. Tra la scansione delle impronte e della retina (come su Galaxy Note7), quello introdotto dall’istituto di credito sembra un ottimo compromesso tra protezione e versatilità, tale che anche altri operatori potrebbero farci un pensierino.

Leggi anche:  Le piattaforme digitali cambieranno l’approccio delle compagnie di assicurazione