Microsoft e i progressi nel riconoscimento vocale

Microsoft contro la diffusione online prematura di Windows 11

Microsoft ha sviluppato un sistema di riconoscimento vocale basato su reti neurali con un margine di errore minimo

Microsoft ha fatto passi da gigante nel campo del riconoscimento vocale. L’azienda di Redmond è infatti riuscita a sviluppare un software con capacità di comprensione del parlato praticamente identiche a quelle umane. La tecnologia realizzata dal team del Microsoft Artificial Intelligence & Research ha infatti ottenuto una percentuale di errore di appena il 5,9%.

Un tale livello di precisione nel riconoscimento vocale è possibile solo grazie all’utilizzo di reti neurali all’avanguardia e LSTM (Long short-term memory). Nello specifico, Microsoft ha basato il suo lavoro partendo dal proprio Computational Network Toolkit, una piattaforma di deep learning disponibile in modalità open source su GitHub. Inoltre, l’azienda di Redmond ha ulteriormente incrementato la velocità di apprendimento del suo software grazie a computer con GPU dedicate.

La nuova tecnologia per il riconoscimento vocale verrà utilizzata da Microsoft per implementare servizi dedicati a Xbox ma soprattutto le consentirà di raggiungere il suo obiettivo di rendere Cortana infallibile. L’azienda guidata da Satya Nadella, che è stato nominato il miglior CEO del settore hitech dagli stessi dipendenti, ha comunque ammesso che il sistema dovrà essere testato anche in ambienti rumorosi e che l’avvento di una vera e propria intelligenza artificiale è ancora lontano.

Leggi anche:  Talentia Software supporta Valagro nel passaggio dal Bilancio Trimestrale al Monthly Fast Closing