In Francia mai più e-mail di lavoro usciti dall’ufficio

L’Italia pone le basi dell’eDelivery europeo per il dialogo sicuro e certificato tra gli Stati Membri

La nuova riforma del lavoro francese prevede la possibilità per i lavoratori di ignorare e-mail di lavoro ricevute oltre l’orario di ufficio

Nel corso degli anni si è molto discusso sull’utilità o meno di un vero e proprio orario d’ufficio. La diffusione del BYOD e del telelavoro consente di accedere ai sistemi aziendali in ogni momento ma allo stesso tempo in molti sottolineano che in questo modo non si stacca mai veramente la spina dal lavoro. D’altronde la maggior parte di noi la prima cosa che fa la mattina appena sveglio è quella di controllare le e-mail e altrettanti lo fanno anche a tarda notte. In Francia il problema è stato risolto con l’ultima discussa riforma del lavoro in vigore dal 1 gennaio 2017. Nella “Loi Travail” è stato infatti esplicitato il “diritto alla sconnessione”. All’interno di alcune fasce orarie e precisi giorni della settimana i lavoratori di aziende con più di 50 dipendenti potranno deliberatamente ignorare e-mail, messaggi in chat e chiamate di lavoro senza il timore di incorrere in sanzioni di qualunque tipo.

La nuova legge non elimina comunque gli straordinari. Durante la stesura del contratto il datore di lavoro dovrà “spiegare esplicitamente quali siano le sue aspettative” in termini di attività fuori orario.

Leggi anche:  LinkedIn annuncia il lancio delle Storie in Italia