Apple mette a segno un trimestre da record

apple bilancio

Apple registra il miglior trimestre di sempre grazie ad iPhone ma viene superata da Google come valore del marchio

Quando l’anno scorso le vendite di iPhone sono calate per la prima volta, in molti hanno pensato che la storia di Apple fosse giunta a una fase di declino. La Mela ha smentito questa ipotesi grazie ai numeri straordinari registrati nel primo trimestre fiscale del 2017. “Siamo entusiasti di annunciare che i risultati del nostro trimestre natalizio hanno generato il più alto fatturato trimestrale di sempre di Apple, infrangendo diversi altri record lungo la strada”, ha dichiarato il CEO di Apple, Tim Cook.

I motivi di questo successo sono da ricercare nell’exploit di iPhone 7. La Mela ha venduto in questo trimestre ben 78,3 milioni di smartphone, circa 4 milioni di unità in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Le stime degli analisti si erano fermate a 77,42 milioni di iPhone. La voce a bilancio che comprende servizi come App Store, Apple Pay e iCloud ha visto crescere i ricavi del 18,4% e si registra una lieve crescita anche per i Mac, che hanno venduto 5,4 milioni di unità. Il punto debole da qualche anno a questa parte rimane sempre iPad, che ha visto calare la distribuzione del 19% rispetto al 2015. In totale nell’ultimo trimestre Apple ha registrato ricavi per 78,4 miliardi di dollari contro i 75,9 miliardi dell’anno passato. Grazie a questo successo, come ha sottolineato il CFO Luca Maestri, è stato possibile distribuire agli investitori 15 miliardi di dollari.

Sebbene Apple non possa lamentarsi dei suoi conti, ha comunque perso un’importante sfida con Google. Stando alla classifica Brand Finance Global 500, la Mela ha perso il titolo di marchio con maggiore valore al mondo. Alphabet è balzata al primo posto grazie a una capitalizzazione di 109,5 miliardi di dollari (+24%) mentre Apple è scesa a 107,1 miliardi (-27%). Il sorpasso è da imputare al calo delle vendite di iPhone nel trimestre precedente e alla crescita spropositata del settore advertising per Google.

Leggi anche:  Il lavoro è cambiato, come cambiano i lavoratori?