Evan Williams, co-fondatore di Twitter: “Internet non funziona e scusate per Trump”

evan williams twitter

Williams ritiene che Internet dia sfogo agli estremisti e ha chiesto scusa del fatto che Twitter sia diventato uno strumento di Trump

La diffusione delle fake news e l’esplosione della violenza hanno messo in luce tutti i limiti di Internet. A dirlo è Evan Williams, co-fondatore di Twitter, in una intervista pubblicata sul New York Times. Il web è “rotto”, ha affermato il top manager del social network, in quanto “favorisce gli estremi”.

“Pensavo che se avessimo dato a tutti la possibilità di esprimersi, il mondo sarebbe diventato automaticamente un posto migliore. Mi sbagliavo”, ha concluso. Ovviamente, sottolinea Williams, questa decadenza interna alla comunità online è iniziata da tempo ma da qualche anno “le cose stanno peggiorando”. Curioso come una riflessione così pessimista sia arrivata da una delle persone che ha favorito l’espressione in Rete e dalle sue parole sembra emergere la consapevolezza che la situazione sia sostanzialmente insanabile. I social network come Twitter, che ha richiamato in sede un altro dei suoi creatori per dare nuovo lustro alla sua immagine, hanno creato diversi strumenti per fermare contenuti violenti e razzisti ma il loro lavoro di moderazione risulta inefficace. Lo dimostrano, ad esempio, le policy a cui devono sottostare i controllori di Facebook svelate in questi giorni dal The Guardian.

Williams ha anche chiesto scusa del fatto che Twitter ha indirettamente favorito l’elezione di Donald Trump. “E’ stata un brutta cosa, – ha ammesso – perché senza Twitter molto probabilmente non sarebbe diventato presidente”. Lo stesso tycoon ha confermato che il sito di microblogging è stato un fattore fondamentale durante le elezioni e molto spesso lo utilizza per scavalcare i media tradizionali e persino i canali istituzionali. Trump infatti ha dichiarato su Twitter di aver rivelato alcuni dettagli segreti sul terrorismo alla Russia nonostante il suo entourage avesse in precedenza smentito la notizia.

Leggi anche:  Elon Musk prepara le piste di lancio nel mezzo dell’Oceano