“Smart Girls, Smart City”: l’hackaton di Lenovo per una città a misura di donna

smart girls smart city

“Smart Girls, Smart City” è stata una gara tra team tutti al femminile per creare progetti innovativi in grado di migliorare la vita delle donne in città

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Come possiamo rendere le città più vivibili e a misura di donna? Questa è la domanda che si è posta Lenovo e la risposta è stata l’hackaton “Smart Girls, Smart City”, una gara tutta al femminile per la realizzazione di progetti legati alla sostenibilità, alla sicurezza e all’efficienza energetica delle nuove smart cities. L’evento rientrava nel programma #STEMintheCity promosso dal Comune di Milano e si è svolto venerdì 28 aprile presso lo spazio di coworking Talent Garden Calabania. Qui 7 team composti da studentesse ed esperte di marketing, comunicazione, sviluppo software e progettazione interfacce si sono sfidate in una competizione di 12 ore con l’obiettivo di presentare un’app in rosa utile a migliorare la vita in città.

Ai vari team è stato affiancato un mentor per fornire consigli, suggerimenti e favorire lo sviluppo dell’idea. Per la realizzazione di quest’ultima Lenovo ha fornito un ultrabook ThinkPad P51s workstation e ha lasciato ampia libertà nella scelta del linguaggio di programmazione.  Il primo premio consisteva in un tablet convertibile Yoga Book per ognuno dei membri del team. Ai progetti classificati al secondo e terzo posto spettavano rispettivamente un PC convertibile Yoga 300 e un Yoga Mouse.

Alla conclusione dell’estenuante maratona i progetti sono stati valutati da una commissione di esperti di innovazione e sviluppo industriale sulla base di specifici criteri che comprendevano la composizione del team, le caratteristiche del prodotto e il suo design.

Il vincitore finale è stata “Goingirls”, un’app che permette alla donne di condividere i percorsi più sicuri all’interno della città e trovare una persona che le accompagni durante il tragitto verso casa o l’ufficio. “4Prof”, il software pensato per favorire la diffusione delle competenze digitali tra le donne, si è invece piazzato in seconda posizione. Il podio è stato poi completato da “Pink in Milano”, un nuovo social network per unire tutta la popolazione femminile del capoluogo lombardo. Il progetto vincitore è stato presentato sabato 29 aprile nella Sala Alessi di Palazzo Marino all’interno dell’evento “NETwork. Facciamo rete con STEM”.

Leggi anche:  Hitachi Vantara presenta Pentaho+