Facebook tratta con le etichette per condividere la musica

Facebook testa in Colombia la sua app per il dating online
Facebook, ecco come funziona la sua sezione per far concorrenza a Tinder

Facebook è in trattativa con le maggiori case discografiche per portare legalmente la musica sul social network

YouTube è diventato il servizio online privilegiato per l’ascolto online di musica se si escludono piattaforme di streaming come Spotify, la cui app è ora disponibile anche su Windows Store. Purtroppo per la piattaforma di videosharing molti dei videoclip caricati sulla piattaforma sono condivisi senza il consenso dei proprietari del diritto d’autore e per questo ha creato degli appositi strumenti per la lotta alla pirateria. Anche Facebook ha lo stesso problema ma il social network ha già in mente una soluzione per risolverlo in maniera definitiva.

Facebook, stando a quanto riporta Bloomberg, sarebbe disposta a offrire milioni di dollari alle più importanti case discografiche per permette di condividere legalmente i video delle canzoni dei loro artisti. Fino ad oggi il social network ha dovuto rimuovere i contenuti pirata su richiesta delle etichette e pare che le trattative tra il settore musicale e l’azienda di Menlo Park siano in corso già da diversi mesi. Facebook, che ha lanciato ufficialmente la sua piattaforma con serie e programmi TV originali, vorrebbe raggiungere un’intesa simile a quella stretta tra YouTube e Vevo, detentore dei diritti per i videoclip dei musicisti più affermati. Ovviamente la partnership non risolverà comunque il problema della pirateria. Facebook ha promesso che realizzerà un sistema in grado di identificare i contenuti che violano il copyright concettualmente simile a Content ID di YouTube ma ha ammesso che gli ci vorranno almeno 2 anni per completarlo, lasso di tempo considerato irragionevole dalle case discografiche.

Leggi anche:  Arriva il metaverso: cosa potrebbe significare il mondo virtuale di nuova generazione per le imprese?