Colt semplifica l’accesso a servizi voce in nuovi mercati per le aziende globali

Colt Technology Services facilita l’espansione delle imprese a livello mondiale, consentendo loro di stabilire una presenza telefonica e di raggiungere nuovi clienti attraverso un semplice portale online.

Colt annuncia l’espansione dei suoi servizi voce Inbound in 10 nuovi territori: Stati Uniti, Canada, Giappone, Hong Kong, Norvegia, Finlandia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania e Lussemburgo. Con questo l’offerta arriva a coprire 23 paesi in totale, a livello globale.

Nell’economia globale di oggi, le aziende di tutte le dimensioni e segmenti verticali stanno aumentando il tasso di espansione in mercati esteri. Ma l’ingresso in un nuovo territorio pone alcune sfide scoraggianti, in particolare per quanto riguarda la fornitura di servizi IT di telecomunicazione. In funzione del tipo di business, le aziende potrebbero avere bisogno di creare un ufficio fisico, assumere personale e quindi fornire connettività voce e dati a livello locale. Questo processo può essere costoso e richiedere molto tempo, a causa di molteplici fattori, tra cui la non conoscenza o la complessità delle normative locali e la necessità di stabilire relazioni con nuovi fornitori locali, con i quali non si è ancora costruito un rapporto di fiducia.

Ma con i servizi voce di Colt a livello globale, le aziende possono fornire numeri verdi o altri numeri locali e automatizzare il complesso routing delle chiamate tramite un’unica interfaccia online. Ciò significa che i call center virtuali possono essere creati con facilità e che servizi come la gestione del traffico entrante ed uscente e delle chiamate in coda, l’IVR (Interactive Voice Response), l’inoltro, il monitoraggio e il reporting delle chiamate possono essere gestiti in modo rapido ed efficiente, facendo sì che l’azienda possa concentrarsi sui propri clienti.

Leggi anche:  Pexip presenta le ultime novità nel settore della videoconferenza all'ISE di Barcellona

Rajiv Datta, COO di Colt, ha affermato: “Il servizio al cliente è sempre più visto come un elemento chiave di differenziazione nelle prestazioni aziendali, e la voce è riconosciuta come un punto di contatto critico per l’interazione con il cliente. Tuttavia, la creazione di un’infrastruttura telefonica in un nuovo mercato può essere un compito impegnativo. Grazie al portafoglio di servizi voce globali di Colt, le aziende possono espandersi in tutto il mondo grazie a un portale di assistenza completamente automatizzato. Questo permette ai clienti di configurare, aumentare e diminuire la propria rete voce, riducendo al minimo il time-to-market, ordinando numeri telefonici con pochi click e riducendo i costi amministrativi grazie all’eliminazione dei documenti cartacei”.

Il portale Voice On Demand di Colt fornisce ai clienti un inventario di tutti i propri numeri di telefono, una visualizzazione unica centralizzata di tutti i Paesi, la possibilità di fare ordini self-service e di un’archiviazione completa degli ordini già effettuati. Si tratta di un processo digitale completamente automatizzato, a partire dall’ordine fino alla cessazione del servizio.

I 10 nuovi paesi annunciati oggi si aggiungono ai 13 in cui sono già disponibili i servizi voce inbound di Colt: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svizzera, Svezia e Regno Unito. I clienti possono essere dislocati in qualsiasi parte del mondo, grazie alle funzionalità di re-routing flessibili fornite da Colt, nell’ambito del suo portafoglio di servizi a valore aggiunto.