Netflix testa un abbonamento a metà prezzo ma solo su mobile

Netflix si spegnerà durante la notte

Netflix sperimenta nei Paesi emergenti un abbonamento da 4 dollari al mese da utilizzare solamente su smartphone e tablet. Inoltre, testa un sistema di pagamento alternativo ad App Store per gli utenti iOS

Netflix sta valutando di introdurre un forte sconto sul suo servizio ma difficilmente questa offerta potrebbe essere introdotta in Italia. Il colosso dello streaming sta infatti testando in Malesia e altri paesi una formula che permette di accedere al suo catalogo di film e serie TV a 4 dollari al mese invece dei canonici 8,99 dollari. L’utente può però visualizzare i contenuti in questione solamente su smartphone e tablet. L’idea è quella di espandersi nelle nazioni in via di sviluppo dove la media degli abitanti non può permettersi la stessa spesa degli occidentali. Inoltre, a livello generale, sono molte le persone che si limitano alla visualizzazione di video su mobile e sono poco interessate a fare lo stesso sul proprio televisore di casa.

Per Netflix, che nel Belpaese deve vedersela oggi anche con Huawei Video, non dovrebbe essere particolarmente difficile bloccare dal punto di vista tecnico la riproduzione sugli schermi domestici anche tramite dongle come Google Chromecast o altri sistemi di mirroring. L’azienda di Los Gatos potrebbe invece avere qualche difficoltà con la modalità di trasmissione integrata in Android. Al di là delle modalità di fruizione dei contenuti, Netflix sta investendo molto in produzioni dedicate ai Paesi emergenti. In India ad esempio sono pronte al lancio 8 nuove serie TV e film. Si vocifera inoltre che il re dello streaming stia sperimentano una piattaforma di pagamento per iOS esterna ad App Store. In questo modo potrebbe evitare di cedere ad Apple il 30% dei ricavi prodotti dai possessori di iPhone e iPad. Questi sarebbero costretti a utilizzare un sistema meno intuitivo e già integrato ma d’altronde anche Amazon e Google hanno scelto la stessa strategia rispettivamente con gli e-book e i contenuti di Play Movies.

Leggi anche:  Il teatro a casa tua: quando la tecnologia porta la cultura nel salotto degli italiani