Apple definisce l’acquisizione dei modem di Intel

Intel potrebbe ridurre il prezzo delle CPU Core per contrastare AMD

L’operazione da 1 miliardo di dollari si è conclusa e porta il business dei modem mobile di Intel nelle mani della Mela

Come sapevamo, Intel ha deciso di cedere la divisione dei modem mobili ad Apple. L’accordo, valutato circa 1 miliardo di dollari, è finalmente andato in porto. «Come precedentemente annunciato, questa transazione consentirà ad Intel di concentrarsi sullo sviluppo della tecnologia per le reti 5G, mantenendo allo stesso tempo la possibilità di sviluppare modem per applicazioni non smartphone, come PC, IoT e veicoli autonomi” ha dichiarato il gruppo americano con una dichiarazione ufficiale.

Ciò dovrebbe permettere alla compagnia non solo di focalizzarsi sulla collaborazione con MediaTek per immettere sul mercato chip modem 5G per laptop e desktop , ma anche sulla propria attività di chip core, visto che stiamo ancora aspettando processori desktop da 10 nanometri.

La scelta migliore

Per quanto riguarda Apple, la Mela si prepara a riempire i magazzini di propri modem anziché utilizzare quelli provenienti da Qualcomm. Anche se le due hanno seppellito l’ascia di guerra, dopo anni di battaglie legali sui brevetti, un allontanamento è sempre nell’aria. Del resto la compagnia di Cupertino non è del tutto nuova a mosse del genere fin da quando la serie di chip “A” dota componenti interne e di ARM, dopo la fitta collaborazione di matrice Cortex. Proprio Qualcomm ha di recente svelato lo Snapdragon 865, aggiornamento iterativo dello Snapdragon 855 ma focalizzato al 100% sul 5G.

Il chipmaker ha rivelato anche gli Snapdragon 765 e 765G. Si tratta di componenti di fascia media che arriveranno con il modem X52 5G e alcune funzionalità maggiori, come l’acquisizione di immagini HDR 4K, di norma appannaggio della serie 8x. Questi nuovi sistemi dovrebbero comparire in un primo carico di smartphone l’anno prossimo, il che dovrebbe significare la presenza di più telefoni con connettività 5G.

Leggi anche:  Non migliorare la tua customer experience. Rivoluzionala!