Assistente Google ottiene la “Modalità interprete” su iOS e Android

Assistente Google
TIM lancia il primo canale di assistenza digitale in Italia integrato con l'Assistente Google

Big G ha annunciato l’implementazione della novità a bordo degli iPhone e smartphone potenziati dal robottino verde

La cosiddetta “Modalità interprete era una novità molto attesa dal mondo Android e iOS. La nuova modalità, integrata nell’Assistente Google, consente di fornire traduzioni in tempo reale in 44 lingue. Tutto quello che bisogna fare è dire “Ehi Google, sii il mio interprete [lingua]”.

Chi usa uno speaker con schermo (oltre al classico smartphone), tipo il Nest Hub Mini, vedrà anche una traduzione scritta e la possibilità di usare Smart Reply in modo da rispondere senza parlare quella lingua straniera. Questo è un passo in avanti rispetto alla modalità Interprete originale per i dispositivi Google Nest, che è stata lanciata all’inizio dell’anno, con il numero di idiomi disponibili che è quasi raddoppiato dal rilascio originale.

Cosa si può fare

Sebbene sia tutto all’inizio, la modalità pare un po’ goffa ed è in parte a causa della rigidità del processo. Una volta che si inizia a parlare più normalmente, piuttosto che aspettare pause e toni, si ottiene qualcosa che si avvicina a un dialogo.

La funzionalità non è in realtà particolarmente nuova; Google Translate offre traduzioni in tempo reale sui telefoni da anni. Ma l’integrazione con L’assistente sembra una casa più naturale per un servizio che si basa comunque sulla parola. Inoltre, la voce intelligente ha un sacco di intelligenza artificiale sotto il cofano che dovrebbe renderlo molto più accurato di una traduzione integrale. Chi vuole provarlo deve assicurarsi di avere l’ultima versione dell’Assistente da prelevare dal Play Store, in caso di aggiornamento. Una volta terminato, ecco 44 lingue da sfruttare a proprio piacimento.

Leggi anche:  Minsait e INPS rafforzano il servizio ai cittadini. Il sistema di CRM aperto ai patronati