Da Orange Business Services e De Beers una soluzione di geofencing che migliora la sicurezza dell’equipaggio nei giacimenti offshore

Da Orange Business Services e De Beers una soluzione di geofencing che migliora la sicurezza dell'equipaggio nei giacimenti offshore

Successo per il pilot che utilizza tecnologie IoT digitali e sensori wearable per monitorare la prossimità dell’equipaggio a macchinari pesanti

Orange Business Services, una società di servizi digitali nativa della rete, e De Beers Marine South Africa, una divisione di De Beers, l’azienda leader mondiale nel settore dei diamanti, hanno installato e testato congiuntamente una soluzione IoT su misura che fornisce geofencing, consentendo all’equipaggio di mantenere la distanza di sicurezza dai macchinari pesanti impiegati nelle operazioni di estrazione di diamanti in mare. La nuova soluzione è stata sperimentata con successo a bordo della MV Mafuta, attualmente la più grande nave per l’estrazione di diamanti offshore di proprietà e gestita da Debmarine Namibia, che opera fino a 150 km al largo della costa della Namibia, nell’Africa meridionale.

Sulle navi che raccolgono i diamanti, equipaggi e macchinari pesanti si trovano in
prossimità ravvicinata e De Beers si impegna a garantire i più elevati standard di sicurezza
operativa per tutto il personale. La soluzione IoT di Orange è stata sviluppata in risposta
all’obiettivo “zero incidenti” di De Beers, a seguito di una primo coinvolgimento iniziale e di
un workshop esplorativo congiunto con il team di Orange Business Services in Sud Africa. Il
focus era sulle tecnologie IoT – come i localizzatori Bluetooth Low Energy e i sensori
wearable come strumenti di precisione per localizzare l’equipaggio – integrate con le
antenne di bordo e con un “motore” software di Orange.

Nel progetto pilota, Orange Business Services ha importato i file AutoCAD della MV Mafuta
e ha intrapreso un’indagine a bordo per mappare le posizioni delle antenne così da
“recintare” un’area predeterminata sulla nave. Dieci membri dell’equipaggio sono stati
dotati di sensori da polso. Se uno dei membri dell’equipaggio violava l’area “recintata” a
bordo della nave, il ponte di comando della nave veniva immediatamente allertato.
De Beers Group Technology SA, una branca del Gruppo De Beers dedicata alla Ricerca &
Sviluppo, sta attualmente esplorando ulteriori applicazioni, come una funzione che segnali
le violazioni per collegare i sensori direttamente ai macchinari di estrazione tramite un
sistema di controllo SCADA (Supervisory Control and Data Acquisition) e PLC
(Programmable Logic Controllers), per permettere lo stop dei macchinari immediato in caso
di violazione nel geofence.

Leggi anche:  TIM: al via la sperimentazione del servizio Internet satellitare con velocità fino a 100 mega

Gerhardus Theron, Vessel Manager della MV Mafuta, ha dichiarato: “Debmarine Namibia ha un obiettivo chiaro: zero incidenti in tutte le nostre operazioni. Siamo costantemente alla ricerca di modi per migliorare la sicurezza dei dipendenti, in particolare in relazione ai macchinari pesanti necessari nelle operazioni di estrazione dei diamanti. La consulenza iniziale e il workshop congiunto con il team di Orange Business Services sono stati molto produttivi e hanno rapidamente identificato il potenziale di una soluzione IoT per garantire la sicurezza del personale a bordo delle navi. È seguita subito una fase di pilot, che ha confermato il valore di questo approccio innovativo che potremmo incorporare nei nostri processi e nelle procedure di sicurezza esistenti”.

“Questa soluzione IoT intelligente sviluppata con De Beers è un ottimo esempio di innovazione e co-creazione con il nostro cliente. Il progetto pilota di geofencing ha già
avuto successo in uno degli ambienti dell’industria pesante più impegnativi: una miniera di
diamanti galleggiante, esposta a forti vibrazioni prolungate e alla corrosione causata
dall’acqua salata. La fase successiva di sviluppo mirerà a perfezionare l’interfaccia e le
capacità di raccolta dei dati e includerà il test di una funzione per disattivare i macchinari in
caso di violazione del recinto virtuale da parte di un membro dell’equipaggio”, ha affermato
Keith Matthews, Country Manager per il Sudafrica di Orange Business Services.