Credem accelera la trasformazione digitale con le soluzioni di IBM e myInvenio

L’infrastruttura del futuro? Digitale. Come il business

La banca reggiana sfrutta l’innovazione tecnologica per trasformare e ottimizzare i suoi processi core e rispondere tempestivamente alle nuove sfide del mercato

Credito Emiliano, una delle maggiori banche private italiane dalla tradizione centenaria, ha annunciato di aver scelto le soluzioni IBM per i dati e l’AI e quelle di process mining di myInvenio per aumentare la robustezza dei suoi processi core.

Nell’ambito della sua strategia di trasformazione e razionalizzazione digitale, la collaborazione con IBM, permetterà a Credem di modernizzare le proprie applicazioni, consentendo alla banca maggiore agilità e resilienza e migliorando il controllo delle prestazioni e dei costi.

Inoltre, l’utilizzo di nuove soluzioni quali l’IBM Cloud Pak for Automation sosterranno Credem nella sua evoluzione strategica verso la banca “omnicanale”. Grazie a nuove capacità avanzate, come l’opportunità di raccogliere dati anche in ambiente mobile, una nuova intelligenza operativa e la crescente possibilità di formulare decisioni predittive, Credem diventerà una “Power automation driven by AI Bank” per essere pronta ad affrontare le complesse sfide del mercato.

Due gli approcci paralleli che renderanno più rapido il percorso evolutivo. Il primo riguarda la volontà di diventare un’organizzazione “process driven”. Infatti, l’adozione di “IBM Blueworks live” Saas, strumenti per la modellazione collaborativa, consentirà di mappare tutti i processi bancari. Questo primo approccio offrirà una visione unica, chiara e comune a tutta l’organizzazione.

L’altro fronte riguarda l’integrazione tra “Blueworks live”, le soluzioni di process mining di myInvenio e “IBM Business Automation Workflow”, per trovare le inefficienze e aggiungere automazione ai suoi processi critici. La Banca ha già analizzato oltre 50 processi interni e si è posta l’obiettivo di ottimizzare tutti i processi nel medio periodo.

“Siamo molto contenti per la nuova partnership tra IBM e myInvenio, perché abbiamo scelto diversi anni fa le due soluzioni indipendentemente, e già le utilizziamo in parallelo per la gestione dei nostri processi con grande soddisfazione” ha dichiarato Mauro Torelli, CIO Credem. “Crediamo che uno sviluppo seamless delle integrazioni ed una roadmap di sviluppo comune ci porterà un’efficacia ancora maggiore, contribuendo all’aumento della velocity della nostra automation journey.”

Leggi anche:  Minsait pubblica il Libro Bianco sull'Interoperabilità nella Sanità

“Questo progetto, si basa sull’architettura cloud ibrida di IBM, che combina i Cloud Pak IBM che girano su Red Hat OpenShift – la principale piattaforma di container enterprise – e le capacità di process mining di myInvenio” ha affermato Alessandro La Volpe, IBM Cloud e Cognitive Software Italia. “La soluzione è stata progettata per aiutare Credem ad accelerare l’automazione in più parti dell’organizzazione, non solo per le attività di routine, ma anche per quelle più complesse, in modo che i dipendenti possano concentrarsi su un lavoro a maggior valore. IBM continua, anche con questo progetto, ad accompagnare le aziende italiane nel loro percorso di trasformazione digitale, consentendo una maggiore efficienza nei processi di business e nelle operazioni IT”.

“Grazie all’utilizzo integrato di myInvenio e IBM Cloud Pak for automation, Credem riesce a reagire con grande flessibilità accelerando la sua capacità di rilasciare prodotti e servizi in linea con le esigenze del cliente”, spiega Massimiliano Delsante, Ceo di myInvenio. “Questa soluzione integrata, che combina tecnologia e automazione in maniera intelligente, migliora significativamente l’analisi e la gestione dei processi aziendali. Si tratta di una partnership di assoluto rilievo, che mette a disposizione sul mercato una soluzione unica nel suo settore.”

Una strategia flessibile basata su container, costruita su una piattaforma cloud ibrida, aiuterà così Credem ad ampliare le sue capacità, a ridurre il time-to-market nei servizi alla clientela e a migliorare il riequilibrio tra carichi di lavoro, costi e risposte in base alle sfide del mercato.