Commvault, pronti per il cloud?

CommVault, l’intelligent data management inizia qui

Commvault, l’intelligent data management inizia qui

The new normal” dicono gli anglosassoni e mai termine migliore fu utilizzato per descrivere il momento che stiamo vivendo. Con milioni di aziende oramai calate in un nuovo modo di fare, dentro, e sempre più fuori l’ufficio, è risaputo come tutti gli attori principali del settore IT abbiano dovuto adattare le proprie mire propositive, per supportare le esigenze del cliente moderno. Resta un fatto su cui c’è ben poco da discutere, ed è quello che la pandemia ha accelerato una serie di tendenze già in atto in molti scenari aziendali.

Il riferimento è alla piena trasformazione digitale che, dove invece poco ponderata, ha lasciato segni indelebili sulla capacità di essere produttivi durante le fasi di lockdown, con probabili conseguenze sul lungo periodo. «Per questo è sempre più necessario adattarsi al cambiamento, a volte imprevedibile, e nel contempo dover prendere decisioni sulla base di situazioni, informazioni e dati in veloce mutamento» – spiega Sergio Feliziani, country manager di Commvault Italia. Da dove partire?

«La complessità di infrastrutture e applicazioni non più adeguate richiede necessariamente l’adozione di una strategia cloud, ovvero un’accelerazione appunto verso la digital transformation». Ed è il motivo per cui Commvault ha intrapreso la strategia di “intelligent data management”, arricchendo – semplificandole – le proprie soluzioni integrate, finalizzate alla protezione dei dati in molteplici ambienti come il multicloud, database e container. Intelligent data management significa la soluzione giusta per archiviare, proteggere, utilizzare e ottimizzare i dati in base alle esigenze di business.

Leggi anche:  Check Point, imprese cyber-resilient

«Tutto ciò con una scalabilità adeguata alle più grandi e complesse realtà aziendali del nostro Paese, garantendo allo stesso tempo una robusta soluzione di data privacy» – prosegue Feliziani. «Con un incremento di attacchi ransomware del 400% negli ultimi nove mesi, la soluzione di sicurezza integrata nell’IDM è di certo elemento ulteriormente qualificante e apprezzato dai clienti della nostra piattaforma. Inoltre, con più di 100mila utenti nel mondo, Commvault recepisce le loro più importanti necessità trasformandole in aggiornamenti periodici dell’offerta di intelligent data management». L’innovazione è un fattore determinante per affrontare i cambiamenti oramai improrogabili: ed è con l’obiettivo di essere vicini in questo percorso ai clienti, partner e prospect che Commvault ha recentemente annunciato Metallic, la soluzione completamente integrata nel vasto mondo dell’intelligent data management.


RIVOLUZIONE METALLIC

Metallic garantisce una robusta soluzione di protezione dei dati in modalità nativa SaaS e in totale conformità GDPR. Da tenere presente anche l’approccio multicloud ovvero di integrazione con i più importanti provider come Microsoft Azure, Google, AWS, oltre alla possibilità di mettere in sicurezza i dati sia in cloud che on-premise, così come l’opportunità di ridefinire facilmente e in ogni momento la strategia cloud. Inoltre, la diffusione dei container basati su Kubernetes permette di distribuire, scalare e migrare i carichi di lavoro senza interruzioni operative. La nuova piattaforma Metallic BaaS per Kubernetes semplifica la protezione dei container, essendo completamente integrata con i K8 tramite la Container Storage Interface (CSI). Tutti elementi di assoluta novità, ai quali molte realtà italiane stanno guardando con crescente interesse.