Veritas, come vincere la sfida della sicurezza

Veritas, come vincere la sfida della sicurezza

Grazie alla soluzione Backup Exec, Veritas ha l’obiettivo di risolvere i problemi di security anche nelle PMI puntando su semplicità, flessibilità, scalabilità, integrazione

In tempi come quelli attuali, molte sono le sfide che le aziende devono affrontare, anche in materia di sicurezza. Di tutto questo è consapevole Veritas Technologies, che, grazie alla soluzione Backup Exec, punta a risolvere i problemi di security anche nelle PMI. «La maggiore diffusione dell’home working, dovuta al Covid-19, ha portato a una proliferazione dei dati superiore rispetto al passato» – spiega Marco Coppini, channel sales di Veritas. «Dai dati in nostro possesso, emerge che questa tendenza proseguirà anche in futuro. Il settore Telehealth, ovvero la diagnostica telematica in area medicale, supererà entro il 2027, a livello mondiale, i 150 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 41 miliardi del 2019. Cambiamenti si verificheranno anche nelle telecomunicazioni. In quest’area, il lavoro da casa salirà del 378% e sempre più diffuso sarà l’uso di tools come Zoom e Teams. Nel finance, l’80% delle banche renderà disponibile un’esperienza “human-like” e la robotica sarà usata nei processi di human interaction. Inoltre, il 74% dei direttori finanziari conterà su un 5% di lavoratori da remoto. Infine, entro il 2025, i dati da gestire saliranno, globalmente, a 175 Zb. Aumenteranno anche gli attacchi ransomware».

SOLUZIONI BASATE SU TRE PILASTRI

Davanti a questo scenario, i clienti si interrogano su come immagazzinare, gestire e proteggere dati sparsi su diversi tipi di sistemi. Si interrogano anche sulla conformità dei dati rispetto a GDPR e altri regolamenti. «Esistono anche i “dark data”, cioè dati di cui non si riesce a ricostruire la provenienza» – continua Coppini. «Sono dati da controllare correttamente per eliminare quanto non serve. A fronte della previsione di un aumento dei dati, gli utenti si interrogano anche su come prepararsi per il futuro».

Leggi anche:  La sinergia tra AI e neuroscienze per leggere le emozioni

Per aiutare le aziende a rispondere in modo vincente a questa sfida, Veritas propone soluzioni basate su tre pilastri: protection, availability, insight. «Il concetto di protection – chiarisce Coppini – è espresso dall’offerta di Veritas in area data protection, il core business dell’azienda, che comprende backup e recovery delle informazioni ed è proposto sia in modalità on premise, sia in cloud. L’availability, ovvero la disponibilità, si concretizza nella possibilità di fare il disaster recovery, di garantire agli utenti affidabilità e reperimento di informazioni online. Il terzo pillar, insight, si identifica nella capacità di comprendere le informazioni, di archiviarle correttamente, di definire le informazioni più sensibili in un’organizzazione. A questo proposito Veritas propone soluzioni che possono classificare e proteggere ben 800 tipi di fonti dati, oltre 100 sistemi operativi, più di 1400 tipi di storage e più di 60 cloud diversi».

SCALABILITÀ A MISURA DI PMI

Uno degli obiettivi di Veritas – secondo il channel sales – è dare risposte ai clienti che vedono incrementare i costi di gestione dei loro data center e hanno budget sempre più ristretti. Secondo Coppini – «buona parte degli IT decision maker e dei data manager dichiara che sono troppi i tool e i sistemi da usare. La soluzione Backup Exec di Veritas punta a garantire un controllo adeguato del data center ed è stata pensata per essere un metodo sicuro e unificato per rispondere ai problemi di sicurezza delle imprese, per fare il backup e il restore delle informazioni, da e verso qualunque ambiente, fisico, virtuale, in cloud. Punti di forza della soluzione proposta da Veritas sono la flessibilità nel licensing, il TCO contenuto, accanto a performance elevate e resilienza per far fronte a un attacco ransomware senza perdere dati. Backup Exec garantisce, inoltre, la possibilità di archiviare le informazioni assicurando la compliance delle direttive e le regole GDPR. Semplicità, flessibilità, scalabilità, possibilità di integrazione con i maggiori fornitori di cloud sono ulteriori elementi che rendono la soluzione adatta alle PMI».