Partnership smeup e Intea Engineering: investimento congiunto nel settore IoT

Partnership smeup e Intea Engineering: investimento congiunto nel settore IoT

Smeup e Intea Engineering, specializzata nella progettazione e produzione di apparecchiature elettroniche di comando e controllo e sensori di tipo elettronico, siglano l’accordo per l’ingresso in IoTReady (BG), azienda specializzata in IoT

Smeup e Intea Engineering annunciano di aver acquisito il 30% ciascuna di IoTReady, startup innovativa che offre soluzioni IoT per la trasformazione digitale dei prodotti sia in ambito commerciale che per l’Industria 4.0, che quindi detiene il 40% di quote.

IOTREADY S.r.l. nasce dalla passione di due ingegneri informatici esperti di tecnologie web che hanno creduto fin da subito nell’opportunità dell’Internet of Things. Il nome rimanda all’obiettivo di trasformare i prodotti e le macchine in oggetti connessi, per permettere alle imprese di migliorare la qualità dei propri servizi creando valore attraverso i dati.

Grazie a questa Partnership, le tre aziende mettono a fattor comune le proprie competenze per offrire al cliente una soluzione completa, che parte dalla fisicità, per estendersi fino alle logiche tipiche dell’IoT, con le quali i dati prendono valore. Lo fanno proponendosi al mercato come un unico fornitore, in grado di risolvere a 360° le esigenze dei clienti che intendono approcciare il mondo dell’IoT.

Il concetto di IoT, infatti, può essere sintetizzato con l’immagine di una rete di oggetti intelligenti connessi tra loro. Questa rete è composta da tre elementi: la parte fisica (gli oggetti intelligenti interconnessi), mercato in cui Intea Engineering ha acquisito un ruolo di primo piano, la componente applicativa, terreno sul quale smeup ha sviluppato il suo successo negli anni e la connettività, core business di IoTReady.

Con l’ingresso in IoTReady, smeup, con sede legale a Erbusco (BS) e altre 13 sedi nel nord e centro Italia, con 450 collaboratori e 2350 clienti in Italia e nel mondo, consolida il suo offering IoT.

Leggi anche:  Acquisti di Natale, gli analisti predicono le vendite di PS5 e Xbox Series X

“Abbiamo intrapreso molto volentieri questo percorso insieme ad un nostro cliente. Crediamo molto in questa operazione come orizzonte strategico: l’IoT si configura infatti come una prospettiva determinante per i prossimi anni. Ha un’importanza tale da farci decidere di non percorrere questa strada da soli, ma di coinvolgere soggetti in grado di darci  garanzia del risultato, per noi e per i nostri clienti.
La nostra mission si basa sul concetto di aggregazione delle intelligenze sviluppate studiando processi aziendali complessi, di settori diversi e realtà specifiche con il know how tipico del cliente. Questa operazione rappresenta un ottimo esempio di “collaborazione tra intelligenze” che auspico possa essere di stimolo ad altre iniziative simili con aziende clienti attuali o futuri.”- ha dichiarato Silvano Lancini, Presidente smeup.

“Estrema soddisfazione. Con questa partnership, Intea Engineering integra, all’interno del proprio gruppo, importanti competenze legate alla connettività, consolidando la collaborazione con smeup ed offrendo la propria competenza industriale nella produzione di Hardware tecnologicamente avanzato.” – ha dichiarato Ivano Novali, Ad Intea Engineering.

“Siamo orgogliosi che due aziende del livello di Smeup ed Intea Engineering abbiano scommesso sulla nostra visione e sulle nostre competenze nella tecnologia IoT.

Crediamo che questa collaborazione aiuterà i nostri clienti a beneficiare di un’offerta completa ed altamente innovativa, che li aiuterà nella crescita attraverso un nuovo percorso di trasformazione digitale.

Questa partnership sarà fondamentale per lo sviluppo di un progetto industriale di lungo termine: crediamo che l’organizzazione e le competenze dei nostri nuovi partner, unite al know-how specifico di IoTReady, possano dare una svolta nella crescita e nell’affermazione nel mercato.” – ha dichiarato Andrea Taffi, CEO IoTReady.

Leggi anche:  Coronavirus: Fondazione TIM dona 1 milione di euro