Gli Apple Glass nel 2022 con monitoraggio LiDAR

Gli Apple Glass nel 2022 con monitoraggio LiDAR

Dalla Cina arriva qualche specifica in più su quelli che dovrebbero essere gli occhialini con capacità AR e VR

Gli smart glass di Apple potrebbero arrivare nel primo trimestre del 2022 e, quando sarà giunto il momento, sfoggeranno sei lenti con tracciamento LiDAR per aumentare le capacità VR e AR. Lo afferma il China Times, che si lancia nel dire come gli Apple Glass adotteranno un design industriale, simile ad altri visori VR attualmente sul mercato. Ma dimentichiamoci un prodotto per la mass: si parla di almeno 500 dollari come prezzo in prima fascia, se non oltre, conoscendo le politiche esclusive della Mela. Nonostante le tempistiche abbastanza lontane, nulla vieta ad Apple di presentare gli occhialini già quest’anno, rimandando poi ad un lancio futuro. Anzi, il WWDC 2021 potrebbe addirittura servire per svelare una Developer Edition, sulla falsariga degi Google Glass, poi scomparsi.

Cosa aspettarsi

Non è chiaro esattamente a cosa serviranno le ipotetiche sei lenti di cui gli Apple Glass sarebbero dotati. Obiettivi per visualizzare schermi interni o telecamere per visualizzare il mondo esterno? Di certo, la presenza del LiDar darà un vantaggio concreto, visto che si basa sulla tecnologia Time of Flight al fine di monitorare la distanza dagli oggetti tramite l’emissione di un laser e del tempo necessario affinché la luce, raggiunti questi, torna indietro.

Il più recente rapporto fa riferimento agli Apple Glasse come ad un singolo prodotto in grado sia di eseguire funzionalità AR che VR, anche se altre voci si soffermano su due dispositivi differenti.  Di questo ne è convinto, tra gli altri, Bloomberg che suggerisce come il colosso stia sviluppando due prodotti distinti: un visore che ha più funzionalità VR che AR, e presumibilmente avrà un aspetto e funzionerà in modo molto simile agli altri auricolari VR sul mercato, da lanciare nel 2022, e un paio di Apple Glass di realtà aumentata, printi non prima del 2023 (e comunque “figli” della risposta che avrà il predecessore virtuale). 

Leggi anche:  Gli Stati Uniti testano una tecnologia per riconoscere i volti mascherati