La tecnologia, il miglior alleato per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU

La tecnologia, il miglior alleato per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU

In occasione della Milano Digital Week, Minsait ha presentato il ruolo cruciale che può svolgere la tecnologia nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

Le tecnologie digitali possono svolgere un ruolo centrale nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite. Questo è il messaggio che ha portato Minsait, la società che raggruppa il business IT di Indra, all’edizione di quest’anno della Milano Digital Week. La società di consulenza e tecnologia ha partecipato all’iniziativa “#Act4SDGs Call for Italy”: una maratona di 36 ore di idee alla quale hanno partecipato più di 5.000 giovani under 35 con proposte per il conseguimento degli OSS.

“I prodotti e le soluzioni digitali sono trasversali agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e rispondono alle sfide che troviamo nei diversi settori industriali dove operiamo”, ha dichiarato Sergio Scornavacca, Northern Lead di Minsait in Italia e speaker nella manifestazione. “Ad esempio le tecnologie digitali possono contribuire: alla lotta contro il cambiamento climatico; ad un miglioramento dei modelli di trasporto, verso infrastrutture aeree, marittime, ferroviarie o stradali più rispettose dell’ambiente; alla gestione intelligente, efficiente e verde dell’energia, delle città e della mobilità; e, in generale, ad un migliore utilizzo delle risorse”.

Durante l’evento, Minsait ha presentato i cinque fronti tecnologici con un forte impatto sugli OSS e che possono generare risultati molto significativi nel breve termine: la transizione verso l’energia verde; la digitalizzazione di tutti i settori; le smart city; la mobilità intelligente e i trasporti sostenibili; il monitoraggio della Terra e la protezione delle risorse naturali. Secondo la società, il perseguimento di risultati rilevanti in questi ambiti contribuirà ad agevolare il raggiungimento entro il 2030 degli ambiziosi obiettivi delle Nazioni Unite.

Leggi anche:  Canon: riavvicinare uomo e natura attraverso la stampa

La società ha anche reso pubblico l’impegno della capogruppo, Indra, a ridurre le emissioni di gas serra per contribuire a limitare il riscaldamento globale a un massimo di 1,5 gradi Celsius. L’azienda di tecnologia ha fissato degli obiettivi ambiziosi: ridurre le sue emissioni legate all’energia del 50% entro il 2030; raggiungere le zero emissioni legate all’energia entro il 2040 ed estendere la decarbonizzazione a tutta la sua supply chain per diventare carbon neutral entro il 2050.

L’iniziativa “#Act4SDGs Call for Italy” ha l’obiettivo di disegnare il mondo equo e sostenibile del domani attraverso una maratona di trentasei ore di progettazione, discussione e ispirazione, focalizzate sui Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite. Più di 5.000 giovani under 35 italiani e da tutto il mondo hanno confrontato le loro idee, conoscenze ed esperienze per definire i nuovi paradigmi quanto mai necessari alla sostenibilità dei cambiamenti.

Il focus della quarta edizione della Milano Digital Week – la manifestazione promossa dal Comune di Milano e della quale Minsait è partner – è stato “Città Equa e Sostenibile”: un’opportunità di riflessione e confronto tra cittadini, aziende, studenti, istituzioni, università e centri di ricerca attraverso più di 650 eventi online tra talk, webinar, workshop, lectio magistralis, grande cinema, performance e installazioni sonore.

La Digitalizzazione dei pagamenti, presentato l’ultimo report di Minsait

Sempre nella cornice della Milano Digital Week, Minsait ha organizzato la tavola rotonda “La digitalizzazione dei pagamenti in Italia. Verso un paese cashless?”, dove ha presentato i risultati del suo 10° Rapporto sulle Tendenze dei Sistemi di Pagamento.

Stando ai dati del rapporto, l’accelerazione della digitalizzazione causata dalla pandemia sta consolidando l’utilizzo dei sistemi di pagamento elettronici e riducendo il contante in Italia, dove le carte sono considerate il mezzo di pagamento preferito da sei italiani su dieci.

Leggi anche:  Computer quantistici e intelligenza artificiale

Alla tavola rotonda hanno preso parte Adriano Gerardelli, Responsabile Financial Services di Minsait Italia, Enrico Albertelli, Head of Payments Marketing & Development di Nexi, e Rita Camporeale, Responsabile Ufficio Sistemi di Pagamento di ABI (Associazione Bancaria Italiana).