On-Premise o Cloud: cosa scegliere?

On-Premise o Cloud: cosa scegliere?

Il cloud è in forte crescita. Grazie a flessibilità, affidabilità e sicurezza, il cloud rimuove l’onere di un’azienda a mantenere e aggiornare i propri sistemi, affidando queste attività a terzi. Ciò consente di investire tempo, budget e risorse sul proprio core business.

Per la tua azienda è meglio una soluzione in cloud oppure on-premise?

L’ambiente di riferimento

Nella scelta tra on-premise e cloud, bisogna tenere in considerazione l’ambiente di riferimento. Se l’azienda ha una o più filiali da mettere in comunicazione, avrà già una propria dotazione di hardware e software tra cui server, computer e database.

In questo caso, la differenza tra on-premise e cloud sta sul dove risiedono gli strumenti.

On-premise significa che l’azienda mantiene tutta la sua infrastruttura IT in loco, gestendola da sé o esternalizzandola a fornitori esterni.

In cloud invece l’infrastruttura è “ospitata” fuori sede. In tal caso monitoraggio e manutenzione sono responsabilità di terzi.

Le caratteristiche del team IT

Se il tuo team IT è composto da diversi membri, competenti e votati alla customizzazione degli apparati che compongono l’infrastruttura, l’on-premise è adatto alla tua realtà.

Se al contrario il tuo team ha pochi addetti, con competenze medie, è preferibile scegliere una soluzione in cloud.

La custodia dei dati aziendali

Un punto importante per la scelta è la gestione di dati/informazioni immagazzinate nei server aziendali.

On-premise si avranno data center privati, dedicati esclusivamente all’azienda proprietaria, ma che dovranno essere gestiti internamente con i rischi che ne conseguono (perdite, usi impropri e furti).

Una soluzione in cloud, invece, propone una versione remota di un data center, situato in un luogo lontano dalle strutture fisiche dell’azienda, che permette di accedere ai dati tramite la rete Internet.

Leggi anche:  Veeam amplia la partnership con Google Cloud

I costi

Nel caso di soluzioni on-premise, i costi di investimento includono l’hardware e l’acquisizione di licenze software o abbonamenti per gestire infrastrutture e applicazioni. In più, se un nuovo data center viene realizzato per questo scopo, parte dei costi indiretti relativi a questa nuova infrastruttura saranno inclusi nel budget totale del progetto.

Un servizio in cloud non richiede alcun investimento, poiché non è necessario acquistare infrastrutture, e neanche un grande esborso di denaro per la manutenzione e gli aggiornamenti. Questa caratteristica rappresenta un vantaggio, soprattutto per le piccole e medie imprese. In più è disponibile per l’uso immediatamente dopo l’attivazione.

Siccome le esigenze della tua azienda cambieranno nel tempo, i servizi in cloud saranno in grado di adattarsi rapidamente ad esse; i piani di abbonamento sono un’ottima soluzione per gestire comodamente i propri servizi.

La gestione

Acquistare un’infrastruttura on premise necessita di abilità avanzate per la manutenzione e gestione delle varie componenti. Qualora si voglia adottare questo tipo di infrastruttura senza essere in grado di gestirla, sarà importante collaborare con un provider di servizi gestiti al fine di ridurre i rischi e massimizzare il rendimento dell’investimento, che sarà sicuramente importante.

Le soluzioni in cloud, d’altro canto, sono note per la loro semplicità di gestione.

La soluzione Ibrida

La soluzione ibrida integra sia sistemi on premise che in cloud ed è particolarmente adatta alle aziende con diverse filiali da mettere in comunicazione tra loro.

Predisponendo un team consistente, organizzato e skillato a sufficienza, la soluzione ibrida permetterà di gestire gli headquarters (ossia i luoghi dove vi sono le componenti on premise) e le filiali (in cloud), con un controllo accurato e dettagliato.

Leggi anche:  A ciascuno il suo cloud