Exprivia approva i dati 2020: ricavi stabili, utile raddoppiato

Exprivia approva i dati 2020: ricavi stabili, utile raddoppiato

Nel 2020 crescono a due cifre tutti gli indici di redditività, raddoppia il risultato netto. Migliora la posizione finanziaria netta

Il Consiglio di Amministrazione di Exprivia ha approvato in data odierna la Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2019 e la Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2020, redatte secondo i principi contabili internazionali (IAS/IFRS).

La Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2020

Il Consiglio di Amministrazione di Exprivia, in data odierna, ha attestato il 31 dicembre 2020 quale data da cui decorre la perdita del controllo di Italtel S.p.A. ai sensi dell’IFRS 10, come meglio specificato più avanti.

La Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2020 consolida, sulla base del Reporting Package approvato dal Consiglio di Amministrazione di Italtel, le sole poste economiche di Italtel ai sensi del principio contabile IFRS 5, rappresentandole come “discontinued operations”.

Nonostante gli effetti della pandemia, nel corso del 2020 Exprivia registra ricavi in linea con il 2019 che, riflettendo l’andamento dei mercati in cui opera, si attestano a 167,8 milioni rispetto ai 168,5 (*) milioni del 2019. Tutti gli indicatori di marginalità sono positivi: l’EBITDA è in significativo miglioramento attestandosi a 21,4 milioni nel 2020 in incremento del 27,0% rispetto ai 16,8 (*) milioni del 2019, l’EBIT si attesta a 15,0 milioni in incremento del 44,3% rispetto ai 10,4 (*) milioni del 2019, l’EBT a 11,5 milioni in incremento del 74,0% rispetto ai 6,6 milioni del 2019 (*), per arrivare ad un risultato netto pari a 8,6 milioni più che raddoppiato rispetto ai 4,0 milioni del 2019 (*). La Posizione Finanziaria Netta si attesta a -40,3 milioni, in miglioramento dell’8,2% rispetto ai -43,9 milioni del 31.12.2019.

Molto buona la performance nei settori della Sanità e dell’Aerospazio che crescono a due cifre, il primo sulla spinta degli investimenti in tecnologie e soluzioni dovute all’emergenza pandemica e il secondo per via della crescente importanza della “Space Economy” negli investimenti pubblici e privati. Tengono i mercati delle Banche e Assicurazioni e dell’Energia e Utilities, mentre scontano gli effetti delle chiusure e del rallentamento dei progetti, a causa del Covid, i mercati dell’Industria e Media.

Approvata la proposta di destinazione dell’utile dell’esercizio alle riserve del patrimonio.

I risultati della Capogruppo al 31 dicembre 2020

I ricavi totali sono pari a euro 151,2 milioni rispetto ai ricavi 2019 pari a 148,3 milioni.

L’EBITDA è pari a euro 21,8 milioni in aumento del 29,2% (16,9 milioni dato nel 2019).

L’EBIT è pari a euro 15,6 milioni in aumento del 190,3% (-17,2 milioni nel 2019).

L’utile ante imposte si attesta ad un valore di euro 13,0 milioni rispetto ai -20,6 milioni del 2019.

Leggi anche:  Webhelp acquisisce OneLink con l’obiettivo di ampliare l’offerta di servizi e soluzioni di Customer Experience in America

Il patrimonio netto al 31 dicembre 2020 è pari a euro 66,1 milioni rispetto ai 56,3 milioni del 31 dicembre 2019.

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2020 è negativa per euro -40,0 milioni rispetto a –45,7 milioni del 31 dicembre 2019.

La Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2019

Il Gruppo Exprivia chiude il 2019 con ricavi pari a euro 526,4 milioni rispetto ai 623,4 milioni del 2018, EBITDA a 14,5 milioni rispetto ai 41,8 milioni del 2018, EBIT a -170,5 milioni rispetto ai 21,0 milioni del 2018, risultato netto a -239,1 milioni rispetto a -0,8 milioni nel 2018 e Posizione Finanziaria Netta a -225,7 milioni di euro rispetto ai -214,6 milioni del 2018. I risultati sono condizionati dalle ingenti svalutazioni, principalmente di poste immateriali, apportate sul Reporting Package di Italtel S.p.A., conseguenti la situazione di crisi della stessa. I dati di Italtel consolidati nella Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2019 sono basati sul Reporting Package approvato dal Consiglio di Amministrazione di Italtel.

Il Gruppo Exprivia, al netto di Italtel, chiude il 2019 con ricavi in crescita del 4,4% rispetto al precedente anno, attestandosi a 168,5 milioni di euro rispetto ai 161,4 milioni del 2018. L’ EBITDA, anche come conseguenza dell’IFRS 16, risulta in crescita del 6,0% attestandosi a 16,8 milioni (pari al 10% dei ricavi) rispetto ai 15,9 milioni del 2018. L’EBIT si attesta a -14,6 milioni (-224,2% rispetto ai 11,8 milioni del 2018 e pari al -8,7% dei ricavi 2019, dovuto all’azzeramento della partecipazione in Italtel) e il risultato netto si attesta a -21,0 milioni (pari al -12% dei ricavi) rispetto ai -3,1 milioni del 2018. La posizione finanziaria netta, nonostante l’introduzione del nuovo principio contabile IFRS 16, è migliorata del 4,1%, a -43,9 milioni rispetto a -45,8 del 31 dicembre 2018. I risultati di EBIT e risultato netto risentono della integrale svalutazione della partecipazione di Italtel S.p.A..

I risultati della Capogruppo al 31 dicembre 2019

I ricavi totali sono pari a euro 148,8 milioni rispetto ai ricavi 2018 pari a 142,6 milioni.

L’EBITDA è pari a euro 16,9 milioni in aumento del 5,0% (16,1 milioni nel 2018).

L’EBIT è pari a euro -17,2 milioni in decremento del 270,1% (10,1 milioni nel 2018).

L’utile ante imposte si attesta ad un valore di euro -20,6 milioni di euro rispetto ai 7,0 milioni nel 2018.

Il Patrimonio Netto al 31 dicembre 2019 è pari a euro 56,3 milioni rispetto a 80,4 milioni del 31 dicembre 2018.

Leggi anche:  Prysmian Group punta su Diversità e Inclusione per la valorizzazione del capitale umano

La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2019 è negativa per euro 45,7 milioni di euro rispetto a –45,4 milioni del 31 dicembre 2018.

I risultati della Capogruppo del 2019 risentono della svalutazione integrale della partecipazione in Italtel S.p.A..

I motivi del differimento della approvazione della Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2019 e delle relazioni finanziarie periodiche del 2020

Si ricorda che già il 13 marzo 2020 e, successivamente, il 18 maggio 2020, l’Emittente aveva comunicato il rinvio dell’approvazione della Relazione Finanziaria Annuale 2019, stante la situazione di crisi che ha interessato la partecipata Italtel S.p.A., culminata con l’apertura della procedura di concordato preventivo da parte del Tribunale di Milano, che ha ammesso la proposta concordataria presentata ritenendola idonea a garantire la ristrutturazione dei debiti e la migliore soddisfazione dei creditori.

Il ritardo dell’approvazione del progetto di bilancio al 31.12.2019 è essenzialmente stato causato dall’incertezza che ha caratterizzato, nello scorso anno, l’esito del percorso di risanamento di Italtel e dalla sussistenza o meno del presupposto della continuità̀ aziendale di quest’ultima.

Alla luce della evoluzione della suddetta procedura concordataria, il Consiglio di Amministrazione di Exprivia ha quindi potuto procedere alla predisposizione e approvazione del proprio progetto di bilancio 2019, in quanto ha ritenuto valido il presupposto della continuità aziendale di Italtel pur alla luce di significative e rilevanti incertezze. In particolare, la preparazione e approvazione dei bilanci del gruppo Exprivia al 31.12.2019 e al 31.12.2020, è qualificato dalle aspettative del buon esito del processo concordatario di Italtel. L’attuale status della procedura, il primario livello degli interlocutori su cui poggia la domanda stessa e gli accordi finora raggiunti fanno ritenere probabile il buon esito della stessa.

Inoltre, a seguito di una approfondita analisi sui rischi di potenziali passività rilevanti in capo all’Emittente in caso di esito negativo della procedura concordataria, il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto tali rischi trascurabili. L’Emittente, infatti, non ha mai esercitato attività di direzione e coordinamento su Italtel e non ha intrattenuto rapporti commerciali di dimensioni significative con la partecipata. Inoltre, come preannunciato il 18 maggio 2020, l’Emittente ha provveduto alla integrale svalutazione del valore della partecipazione in Italtel S.p.A..

Si ricorda che, al fine di poter informare il mercato circa l’andamento delle principali componenti del Gruppo Exprivia, il Consiglio di Amministrazione della stessa ha autorizzato nel corso del 2020 il rilascio al mercato di dati gestionali al 31 dicembre 2019, al 30 marzo 2020, al 30 giugno 2020 e al 30 settembre 2020.

I dati di bilancio al 31 dicembre 2019 e le informazioni gestionali al 31 dicembre 2019, comunicate in data 18 maggio 2020, differiscono, se pur in maniera non significativa, in considerazione dei termini di differimento dell’approvazione della Relazione Finanziaria Annuale 2019 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Leggi anche:  ADICO annuncia la sua nuova realtà

La perdita del controllo di Italtel da parte di Exprivia

Il Consiglio di Amministrazione di Exprivia, anche sulla base dei pareri resi dai propri consulenti legali e contabili, ha attestato la perdita del controllo di Italtel S.p.A., ai sensi del principio contabile internazionale IFRS 10, in conseguenza della delibera del CdA di Italtel del 31 dicembre 2020 che sceglieva, quale migliore offerta a supporto di una proposta di concordato, quella di un soggetto terzo, rendendo Exprivia non più esposta ai rendimenti variabili derivanti da Italtel.

Nel progetto di Bilancio al 31.12.2020 l’Emittente ha proceduto, così, al consolidamento delle sole poste economiche di Italtel attraverso il principio contabile IFRS 5.

Ulteriori decisioni del Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione odierno ha esaminato ed approvato la Relazione degli Amministratori sul Governo Societario e sugli Assetti Proprietari, la Relazione sulla Remunerazione, in conformità al Codice di Autodisciplina delle Società Quotate promosso da Borsa Italiana, e la Dichiarazione Consolidata di Carattere Non Finanziario per il 2020, ai sensi del d.lgs. 254/16.

Alla luce di quanto sopra esposto relativamente ai motivi del differimento e alla approvazione odierna della Relazione Finanziaria Annuale al 31 dicembre 2019, il Consiglio di Amministrazione ha altresì esaminato ed approvato la Relazione degli Amministratori sul Governo Societario e sugli Assetti Proprietari, la Relazione sulla Remunerazione e la Dichiarazione Consolidata di Carattere Non Finanziario per l’esercizio 2019.

Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, deliberato di aderire al nuovo Codice di Corporate Governance, approvato e pubblicato dal Comitato per la Corporate Governance di Borsa Italiana, in linea con le best practice delle emittenti quotate. Exprivia applicherà il nuovo Codice a partire dall’esercizio in corso, informandone il mercato nella relazione sul governo societario e gli assetti proprietari che sarà pubblicata nel corso del 2022.

Il Consiglio di Amministrazione ha conferito mandato al Presidente del Consiglio di Amministrazione e Amministratore Delegato, affinché provveda a convocare l’Assemblea Ordinaria degli Azionisti, che sarà chiamata anche a rinnovare le cariche sociali.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Valerio Stea, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.