Microsoft abbandona le versioni semestrali di Windows Server 2022

Microsoft abbandona le versioni semestrali di Windows Server 2022

Sostituito dalle funzionalità speciali di Azure, non un bene per gli utenti locali

Microsoft non supporterà più il canale di rilascio semestrale del prossimo Windows Server 2022 e gli utenti che richiedono aggiornamenti frequenti verranno indirizzati verso Azure Stack HCI (Hyperconverged Infrastructure). In precedenza, si poteva scegliere tra il Long Term Servicing Channel (LTSC) e il canale semestrale (SAC) per le installazioni, con LTSC che era essenzialmente il modello tradizionale di una grande versione ogni due o tre anni e SAC che era più il modello “as-a-service” con frequenti aggiornamenti delle funzionalità per ottenere la tecnologia più recente. 

Le aziende che installano Windows Server per uso generico normalmente utilizzano LTSC, che ha cinque anni di supporto mainstream e cinque anni di supporto esteso. Lo scopo di SAC è per i carichi di lavoro del contenitore (host o immagine del contenitore) o scenari in cui una VM è di breve durata ed è facilmente sostituibile. Le limitazioni di SAC includono solo 18 mesi di supporto per versione, un requisito per Software Assurance (una licenza di abbonamento più costosa) e nessuna opzione per l’esperienza desktop.

Tuttavia, all’inizio di questa settimana Microsoft ha aggiornato le informazioni sulla versione: “A partire da Windows Server 2022 è disponibile un canale di rilascio principale, il canale di manutenzione a lungo termine. Quello semestrale nelle versioni precedenti di Windows Server incentrato sui contenitori e microservizi continuerà con Azure Stack HCI”.

Cambio di passo

Azure Stack HCI è una piattaforma di virtualizzazione ibrida in cui il cliente acquista hardware convalidato (sebbene sia disponibile un’opzione per l’installazione su qualsiasi hardware compatibile) da un fornitore approvato, lo connette ad Azure e paga un canone per core fisico al mese per eseguirlo. Ciò non include i costi di licenza per i sistemi operativi o altre applicazioni. Azure Stack HCI è un cluster che richiede un minimo di due server. Nonostante il nome, non è così simile ad Azure Stack Hub, dove gli utenti acquistano servizi di Azure per l’esecuzione su hardware pre-approvato nel proprio data center. Azure Stack HCI è più simile a una configurazione speciale di Windows Server e Hyper-V, in cui il sistema operativo host viene acquistato in abbonamento e tenuto aggiornato da Microsoft. 

Azure Stack HCI non ha esperienza desktop ed è gestito tramite l’interfaccia di amministrazione di Windows basata su browser o tramite il portale di Azure, sebbene questa gestione integrata sia per il sistema operativo host e non per gli ospiti o qualsiasi app in esecuzione, come Exchange, SharePoint, SQL Server, Linux e così via. Sebbene abbia senso che Microsoft ottimizzi Windows Server per il suo cloud, la mancanza di supporto in Windows Server generalmente disponibile per nuove importanti funzionalità non andrà giù agli utenti locali. Quanto tempo bisognerà aspettare per mettere le mani su Windows Server 2022? Non molto. Il codice è stato rilasciato e, come affermato da Microsoft di recente, la disponibilità seguirà subito dopo.

Leggi anche:  Talentia integra la firma elettronica sicura eIDAS alla sua piattaforma HR