L’Italia è il 4° Paese al mondo più colpito dalle minacce IT a tema pandemia

L’Italia è il 4° Paese al mondo più colpito dalle minacce IT a tema pandemia

Trend Micro presenta il report semestrale delle minacce, l’Italia è anche prima in Europa per attacchi malware

Le minacce IT continuano ad abbattersi sull’Italia, che fa registrare un nuovo primato: nel primo semestre 2021 è il quarto Paese al mondo più colpito dalle minacce informatiche correlate al COVID-19 e alla pandemia. Il dato emerge da “Attacks From All Angles: 2021 Midyear Cybersecurity Report”, il report sulle minacce informatiche del primo semestre 2021, a cura di Trend Micro Research.

In questa prima parte dell’anno i cybercriminali si sono dati da fare e sul nostro Paese si sono abbattuti 131.197 attacchi tra e-mail di spam, malware e siti maligni a tema pandemia. Nella classifica delle minacce a tema Covid-19 l’Italia è preceduta solo da Stati Uniti (1.584.337), Germania (832.750) e Colombia (462.005). Nel primo semestre 2021 l’Italia è in vetta anche nelle classifiche malware e si attesta prima in Europa e quarta al mondo, con 28.208.577 attacchi. Sul podio Giappone (174.994.613) Stati Uniti (163.667.075) e India (29.008.051).

Italia: i numeri della prima metà del 2021

  • Minacce a tema COVID-19 – L’Italia è quarta al mondo con 131.197 attacchi tra e-mail di spam, malware e siti maligni
  • Malware – Il numero totale di malware intercettati in Italia nella prima metà del 2021 è di 28.208.577. L’Italia è il quarto Paese più colpito al mondo e il primo in Europa
  • Le minacce arrivate via e-mail sono state 194.879.311
  • I siti maligni visitati sono stati 7.559.192
  • Il numero di app maligne scaricate nella prima metà del 2021 è di 28.215
  • Nella prima metà del 2021 sono stati 1.712 i malware unici di online banking che hanno colpito l’Italia
Leggi anche:  Cybersecurity tra sostenibilità e nuove competenze

In tutto il mondo, Trend Micro ha bloccato nel primo semestre un totale di circa 41 miliardi di minacce (40.956.909.973) per un incremento del 47% rispetto al periodo precedente. La maggior parte degli attacchi è arrivata via e-mail. A livello mondiale i ransomware si confermano la minaccia principale, con i cybercriminali che hanno continuato a prendere di mira le aziende più famose. Lo schema di attacco più ricorrente ha visto la cooperazione con terze parti per ottenere l’accesso a reti mirate con l’obiettivo di rubare e crittografare i dati delle vittime. Altre minacce informatiche che hanno fatto registrare numeri importanti son le truffe Business Email Compromise e i malware in ambito di criptovalute. La Zero Day Initiative ha intercettato 770 vulnerabilità.