OVHcloud Startup Program compie un anno

OVHcloud Startup Program compie un anno

Un impegno senza precedenti perché il successo di Flowpay sia quello anche di tante altre Start-Up

A cura di Jonathan Clarke, OVHcloud Startup Program Leader – Southern Europe

In queste settimane ricorre un importante anniversario per lo Startup Program di OVHcloud: un anno fa, infatti, il programma ideato per supportare startup e scaleup che mettono il cloud al centro del loro modello di business, ha fatto il suo debutto in Italia. Un compleanno che rappresenta un’ottima occasione per stilare un primo bilancio sulle attività svolte in questi ultimi 12 mesi, sui risultati raggiunti e sugli sviluppi nel breve termine.

Lanciato nel 2015 a livello internazionale, lo Startup Program di OVHcloud ha già sostenuto più di 2000 giovani aziende innovative in tutto il mondo attraverso un investimento di oltre 6 milioni di euro in crediti infrastrutturali e supporto allo sviluppo.

In termini pratici, viene stilato un programma di 1 anno ritagliato sulle esigenze specifiche delle startup/scaleup, che prevede un contributo economico (fino a 10.000€ per le start up e fino a 100.000€ per le scaleup) per l’utilizzo di soluzioni OVHcloud, un supporto personalizzato, l’accesso alla community e all’ecosistema di OVHcloud, oltre che all’Open Trusted Cloud del principale player cloud europeo. Parlando di community, OVHcloud agisce anche come facilitatore, mettendo in contatto le startup con i partner necessari al loro sviluppo (esperti IP, finanziatori, incubatori, venture capital, ecc…), fornendo al contempo l’infrastruttura su cui si basa il loro modello di business. Questo modello rispecchia pienamente la vision di OVHcloud, essendo non vincolante e garantendo a ogni startup la reversibilità, l’interoperabilità e il controllo dei propri dati.

Tutto ciò ha l’obiettivo di sostenere concretamente l’innovazione e contribuire al dinamismo economico aiutando aziende giovani e audaci a svilupparsi in un ecosistema di fiducia, considerando che disporre di una solida infrastruttura e sapersi circondare di partner fidati sono condizioni indispensabili per evitare il rischio di ricadere in quel 90% di startup che scompare entro 3 anni dalla creazione.

In Italia: un ampio ventaglio di iniziative premiato dall’adesione di 25 startup

L’inaugurazione del Programma in Italia ha coinciso con un periodo sicuramente non facile a causa delle conseguenze della pandemia, che ha messo a rischio obiettivi e investimenti di molti player, grandi e piccoli, operanti in ambito tecnologico e non solo.

Leggi anche:  Nestlé: premiati i progetti finalisti del Lean Startup Program

Per questa ragione OVHcloud ha deciso di moltiplicare i propri sforzi per sostenere le giovani realtà, attraverso una serie di attività che hanno incluso training, programmi di mentoring, partnership con incubatori e HUB dedicati all’innovazione e organizzazione di pitch contest. Un impegno che ha, in pochi mesi, portato ben 25 start up italiane ad aderire allo Startup Program.

Sono state organizzate più di cinquanta sessioni di formazione online, che hanno spaziato da training in ambito business e tecnologico, all’approfondimento di use case, fino al coinvolgimento di esperti in tavole rotonde incentrate sui più importanti trend di settore. A queste occasioni formative si è accompagnato un programma di mentoring di tre mesi che ha visto i professionisti di OVHcloud affiancare attraverso attività di consulenza e supporto ai team delle start up, sempre nel pieno rispetto dei ritmi e delle esigenze di queste ultime.

Un momento importante e sfidante per tutti i protagonisti del programma è stato sicuramente il Pitch contest, che ha visto prevalere Mapo Tapo, startup milanese che ha creato una piattaforma per progettare e organizzare viaggi di gruppo di arrampicata su roccia in destinazioni fuori mano. Mapo Tapo si è così aggiudicata il premio di 10.000€, oltre alla possibilità di incontrare e confrontarsi con il CEO di OVHcloud Michel Paulin, condividendo con il top manager l’esperienza vissuta.

Accanto al sostegno diretto a alle imprese aderenti al proprio Startup Programm, OVHcloud ha dato vita a una serie di partnership con i più importanti poli di innovazione e acceleratori di impresa italiani, quali Polihub Milano, LeVillageByCA Milano, LuissEnLabs, InnovUp, contribuendo alla promozione di iniziative incontri e attività di supporto fondamentali per permettere alle giovani realtà di esprimere tutto il proprio potenziale.

Leggi anche:  Gas grid of the future: Italgas e SkipsoLabs lanciano una call per le migliori startup internazionali

L’identikit dei partecipanti: innovazione avanzata, non solo nel Nord

Uno degli aspetti più interessanti, riguardo alle startup che hanno preso parte al programma nell’ultimo anno, è legato alla loro area di provenienza. Le 25 realtà coinvolte coprono, infatti, gran parte delle regioni italiane, con una significativa presenza anche di aziende del Sud Italia. Un dato che contrasta con la percezione diffusa per cui le giovani imprese innovative nascono esclusivamente nel Nord del nostro Paese, e rimarca invece il protagonismo dei giovani startupper del Mezzogiorno, capaci di eccellere nonostante un contesto talvolta poco favorevole allo sviluppo imprenditoriale.

Gli ambiti in cui operano queste startup sono molteplici, si va ad esempio dal “tradizionale” fintech, con la milanese Hercle, all’ IOT della romana Wise Robotics, passando per l’Edtech di Cervellotik con sede a Potenza, fino all’Intelligenza Artificiale applicata agli Analytics di Contents.com.

E se il fintech la fa ancora da padrone in termini di presenze, sicuramente di rilievo sono anche i settori dell’agritech e del neurotech.

Flowpay: un esempio per tutti

Tra le realtà che hanno beneficiato del supporto di OVHcloud, una citazione particolare va sicuramente a Flowpay, una delle start up che più si è messa in luce nell’ultimo biennio. Nata nel 2019 con l’intento di rivoluzionare il sistema dei pagamenti B2B, efficientando i processi di gestione delle fatture, riducendo i ritardi e migliorando i rapporti tra i soggetti coinvolti, ha raccolto consensi crescenti. Grazie a una piattaforma proprietaria distribuita e integrata con i provider di fatturazione elettronica, la società offre un servizio alle imprese che consente di automatizzare i pagamenti delle fatture partendo esclusivamente dalle informazioni contenute nell’SDI, utilizzando l’open banking e delegando parzialmente al sistema il servizio della gestione finanziaria dell’impresa. FlowPay separa temporaneamente il processo di accettazione di un pagamento dalla sua esecuzione tramite un trasferimento istantaneo, consentendo di implementare una logistica di gestione della tesoreria nonché la gestione di nuovi rapporti commerciali. Questa separazione consente, ad esempio, di realizzare analisi previsionali su dati sistemici.

Leggi anche:  Movyon ed Elis lanciano il progetto Argo Innovation Lab

Flowpay, prima startup a ottenere entrambe le licenze da Banca d’Italia per operare come AISP (Account Information Service Provider) e PISP (Payment Initiation Service Provider), in occasione dell’ultimo WMF si è aggiudicata il premio di 50.000€ in prodotti cloud garantito da OVHcloud, un portfolio che include hosted private cloud, public cloud storage & compute, Data analysis, AI, Kubernetes. OVHcloud ha supportato Flowpay nell’utilizzo dei prodotti selezionati, affiancando il team della start up con i propri esperti.

Come ha sottolineato il CTO di Flowpay Edordo Tommasi, “La partnership con OVHcloud ci ha permesso di avviare a tempo zero e con minimo sforzo un’architettura cloud in Europa, gestita con i migliori strumenti open source, ed estremamente leggera nella gestione”.

Un impegno che proseguirà con sempre più convinzione

In un anno di vita, lo Startup Program di OVHcloud ha raggiunto in Italia risultati che sono andati oltre le nostre più rosee aspettative. Questo ci fornisce una grande motivazione a moltiplicare il nostro impegno e i nostri sforzi perché sempre più startup possano usufruire del nostro supporto, della nostra consulenza e dei nostri prodotti, così da poter ripetere i successi di Flowpay e delle altre importanti realtà che hanno preso parte al programma.

Tutto ciò si concretizzerà nella prosecuzione di un supporto specifico di qualità ad ogni startup, compreso il programma di mentoring, nell’organizzazione di eventi di formazione con cadenza mensile sulle nuove tendenze e soluzioni tecnologiche – che speriamo possano tornate ad essere presto anche fisici – e nello sviluppo di nuove modalità per sostenere gli sforzi di accelerazione delle scaleup.

Un piano d’azione sicuramente sfidante, ma che ci sentiamo di affrontare con convinzione, seguendo le stesse regole che adottiamo nel nostro gruppo e applicando quella concezione di cloud SMART – semplice da implementare, multilocale, accessibile e prevedibile, reversibile e aperto, trasparente – che da sempre caratterizza l’operato di OVHcloud e il suo rapporto con le aziende di ogni dimensione.