ProtonMail collabora con la Polizia: arrestato attivista francese

ProtonMail collabora con la Polizia: arrestato attivista francese

Il servizio di posta crittografata ha fornito le informazioni su un account perseguito dall’Europol

Il servizio di posta elettronica privato ProtonMail sta ricevendo dure critiche dopo aver fornito informazioni IP collegate a un attivista francese che ha utilizzato il servizio. I dati sono stati richiesti nell’ambito di un’indagine più ampia su un gruppo di attivisti per il clima che hanno occupato un certo numero di appartamenti e spazi commerciali a Parigi. Mentre i membri del gruppo sono anonimi, uno aveva usato l’indirizzo “jmm18@protonmail.com” nei messaggi online. Di conseguenza, la polizia francese ha cercato di identificare eventuali persone collegate all’account. Alla fine, il possessore dell’indirizzo è stato individuato e arrestato.

Poiché ProtonMail ha sede in Svizzera, non è soggetta a richieste francesi o dell’UE. Ma la società deve ancora rispondere alle richieste dei tribunali svizzeri, dove la polizia francese ha potuto presentare la propria richiesta con l’aiuto dell’Europol. Dopo che i tribunali svizzeri hanno approvato l’ordine, ProtonMail ha iniziato a registrare le informazioni IP sull’account, che è stato successivamente consegnato alla polizia francese, portando all’identificazione e all’arresto dell’attivista. In un post intitolato “Chiarimenti importanti sull’arresto dell’attivista per il clima”, il CEO di Proton Andy Yen ha affermato di condividere la preoccupazione per l’accusa e ha fornito ulteriori dettagli sulle questioni legali che hanno costretto l’azienda a passare i dati.

“Proton ha ricevuto un ordine legalmente vincolante dalle autorità svizzere che siamo obbligati a rispettare. Non c’era la possibilità di appellarsi a questa particolare richiesta”, ha scritto Yen nel post. “L’accusa in questo caso particolare è stata molto aggressiva. Sfortunatamente, questo è un modello che abbiamo visto sempre più negli ultimi anni in tutto il mondo”. Fondamentalmente, l’ordine non ha fornito i contenuti dell’e-mail dell’attivista, che sono crittografati e non accessibili, nemmeno a Proton.

Leggi anche:  Espansione estera e numeri in crescita, l'approccio premiante di Talentia Software

Tuttavia, l’arresto ha in un certo senso sconvolto la community della piattaforma, che si aspetta che il servizio sia una sorta di lido felice con cui far di tutto senza essere perseguibili. Il rapporto sulla trasparenza di Proton mostra l’allarmante crescita delle ordinanze dei tribunali svizzeri, comprese quelle notificate per conto di indagini estere. Nel 2020, Proton ha ottemperato a oltre 3.000 ordinanze di dati da parte dei tribunali svizzeri, più del doppio rispetto all’anno precedente.