Eni gas e luce e PayPal, accordo per rendere più veloce il pagamento digitale delle bollette

Eni gas e luce e PayPal, accordo per rendere più veloce il pagamento digitale delle bollette

Grazie a questa collaborazione, Eni gas e luce potrà offrire ai propri clienti un ulteriore metodo di pagamento digitale che in Italia conta oltre 8,7 milioni di conti attivi

Eni gas e luce e PayPal hanno sottoscritto un accordo che permette ai clienti di Eni gas e luce di scegliere PayPal come metodo di pagamento digitale alternativo e saldare in modo semplice, veloce e sicuro le bollette online, sul sito e sull’app aziendale, evitando file agli sportelli. Grazie a questa collaborazione, Eni gas e luce potrà offrire ai propri clienti un ulteriore metodo di pagamento digitale che in Italia conta oltre 8,7 milioni di conti attivi.

Questo accordo va nella direzione di migliorare l’esperienza di pagamento digitale dei clienti italiani che, negli ultimi due anni, sono ricorsi sempre di più a queste nuove soluzioni per saldare le proprie bollette. I clienti di Eni gas e luce potranno infatti pagare le proprie bollette attraverso un processo intuitivo, come si fa di solito con un acquisto online, selezionando PayPal come metodologia di pagamento e portare a termine l’operazione in modo sicuro.

Per PayPal è fondamentale garantire un’esperienza per l’utente positiva, semplice e immediata, in modo che il cliente sappia che il suo pagamento digitale proceda senza problemi e rischi.

Maria Teresa Minotti, Director, PayPal Italia commenta:  “La nostra priorità è quella di potere fornire ai nostri clienti l’esperienza migliore e siamo felici che questo servizio sia attivo. È un ottimo esempio di come la tecnologia PayPal offra un chiaro vantaggio al consumatore e siamo lieti di avere sviluppato un metodo semplice e sicuro per pagare le bollette. È un ulteriore passo avanti verso il giorno in cui gli italiani lasceranno il loro portafoglio a casa e pagheranno direttamente attraverso il cellulare questo tipo di servizi”.

Leggi anche:  Digital twin e blockchain per la salvaguardia dei dati