Instagram prepara la versione a pagamento

Instagram prepara la versione a pagamento

In arrivo gli abbonamenti per consentire agli utenti di pagare per “contenuti esclusivi” dei creator

Instagram si sta preparando a lanciare abbonamenti in-app, per consentire agli utenti di pagare per ottenere contenuti esclusivi dai loro creatori preferiti. Nel maggio di quest’anno, il capo di Instagram, Adam Mosseri, aveva dichiarato in un’intervista a The Information che la piattaforma stava esplorando l’idea degli abbonamenti, spiegando che ci sono “diversi modi per facilitare una relazione tra un fan e un creatore”. “Essere in grado di abbonarsi ad alcuni contenuti differenziati o esclusivi è meglio per un fan rispetto alla visione di un annuncio”.

Instagram sembra prepararsi a mettere in atto le sue ambizioni. Come riportato da TechCrunch, un aggiornamento sull’‌App Store‌ mostra l’arrivo di nuovi abbonamenti in-app, come rilevato per la prima volta da Sensor Tower. I nuovi acquisti sono elencati come “Abbonamenti Instagram” da 0,99 e 4,99 dollari.

In pratica, il pagamento del canone, probabilmente mensile o annuale, consentirebbe agli utenti di pagare i propri creatori preferiti per contenuti esclusivi nascosti ai non paganti. Secondo gli screenshot condivisi dal reverse engineer Alessandro Paluzzi, un abbonamento includerà un “Member Badge”, che regala agli abbonati un “badge speciale” accanto al loro nome utente e “Contenuti esclusivi”. Gli abbonamenti sono solo una delle molteplici funzionalità che Instagram ha in cantiere per espandere le opportunità di monetizzazione per i creatori sulla piattaforma.

Come rivelato dallo stesso Paluzzi, il social sta lavorando a “Exclusive Stories”, che, come suggerisce il nome, offriranno ai follower l’accesso a storie esclusive. Nessuna conferma o smentita per le indiscrezioni recenti ma è probabile che prossimamente un aggiornamento dell’app potrebbe introdurre la novità, al momento per iOS e, successivamente, per il mondo Android.

Leggi anche:  Dopo aver licenziato 900 dipendenti online, il CEO di Better.com si prende una pausa