Nutanix leader nel Gartner Magic Quadrant 2021 per le soluzioni software di iperconvergenza

Nutanix leader nel Gartner Magic Quadrant 2021 per le soluzioni software di iperconvergenza

Nutanix premiata per la completezza di visione ed esecuzione per le soluzioni HCI, che sono la base per il successo dell’hybrid multicloud

Nutanix è stata inserita per il quinto anno consecutivo tra i leader nel Magic Quadrant di novembre 2021 di Gartner, Inc. per le soluzioni HCI (Hyperconverged Infrastructure). Nutanix ritiene che questo continuo riconoscimento vada attribuito alle funzionalità avanzate della propria soluzione di infrastruttura iperconvergente e al supporto ai propri clienti, che le ha permesso di ottenere un punteggio medio NPS (Net Promoter Score) pari a 90 negli ultimi sette anni.

“Nutanix è costantemente focalizzata sull’innovazione per garantire che le proprie soluzioni HCI soddisfino le esigenze dei clienti nel loro percorso di migrazione al cloud”, ha dichiarato Rajiv Mirani, Chief Technology Officer di Nutanix. “Le aziende adottano sempre più strategie per il multicloud ibrido, implementando rapidamente le soluzioni HCI per semplificare gli sforzi di modernizzazione del datacenter, sfruttando le funzionalità aggiuntive in termini di automazione, facilità d’uso e agilità offerte dalla nostra piattaforma di infrastruttura iperconvergente. Crediamo che il continuo riconoscimento da parte di Gartner confermi l’impegno di Nutanix nel fornire funzionalità estese e supporto che si traduce nel successo dei nostri clienti”.

Guardando al futuro, le aziende continuano ad adottare modelli operativi cloud e a modernizzare l’infrastruttura on-premise. Questo permette loro di rispondere in tempo reale alle sfide IT in continua evoluzione, con soluzioni multicloud ibride che combinano i vantaggi del cloud pubblico e privato. Le soluzioni HCI si sono rivelate uno strumento efficace per agevolare la modernizzazione del datacenter e per ridurre i costi e la complessità che accompagnano le implementazioni multicloud ibride. Secondo Gartner: “Gli stack HCI possono essere cloud ibridi chiavi in mano, che forniscono funzionalità di gestione dell’infrastruttura e servizi cloud sia on-premise che in cloud pubblici hyperscale. Hanno efficacemente sostituito le tecnologie di cloud ibrido ‘fai-da-te’ come OpenStack²”. Gartner sottolinea anche che “Le soluzioni HCI più avanzate forniscono l’intero stack dell’infrastruttura software-defined (SDI) – calcolo, storage e networking. Le piattaforme SDI rappresentano una tecnologia abilitante fondamentale per l’automazione, i cloud ibridi e l’infrastruttura edge”.

Leggi anche:  Il Gruppo Lutech ottiene la Cisco Customer Experience Specialization

“In termini di maturità, Nutanix è in una posizione nettamente più avanzata rispetto agli altri player del settore HCI”, ha dichiarato Dan Lewis, direttore associato delle operazioni e dei servizi infrastrutturali presso la USC Marshall School of Business. “Siamo stati favorevolmente impressionati da Nutanix e dalla rapidità con cui abbiamo potuto installare tutto in un ambiente compatto senza sacrificare le prestazioni. Questo è stato il fattore determinante per noi: volevamo un sistema all-in-one potente e resiliente. La soluzione doveva essere in grado di sostenere qualsiasi tipo di guasto o errore (a livello di nodo, blocco o rete). La piattaforma Cloud Nutanix si è dimostrata l’unica soluzione in grado di rispondere a tutte le nostre esigenze”.

La piattaforma Cloud Nutanix – basata sull’infrastruttura HCI – offre una gestione unificata, con la portabilità di applicazioni, dati e licenze tra più cloud, sia privati che pubblici. Di recente, Nutanix ha migliorato ulteriormente le funzionalità software HCI per semplificare e ottimizzare le operazioni multicloud, tra cui la virtualizzazione integrata di livello enterprise, il networking virtuale, la sicurezza, la business continuity e il disaster recovery. Inoltre, ha integrato nuove funzionalità nella piattaforma Cloud per semplificare la gestione dei dati e ottimizzare le prestazioni dei carichi di lavoro di database e big data per le applicazioni più critiche. Questo include funzioni ampliate per lo storage unificato con un focus su prestazioni, scalabilità, mobilità e governance per oggetti, file e database. Inoltre, il servizio per le operazioni di database Nutanix Era offre scalabilità dello storage con un semplice clic e un elevato controllo degli accessi – basato sui ruoli – per la gestione dei database in ambienti multicloud ibridi.

Leggi anche:  Problemi di privacy per chi usa Zoom su Mac

Nutanix continua inoltre a rafforzare la sua piattaforma per le applicazioni cloud native e ha recentemente annunciato una partnership strategica con Red Hat per fornire soluzioni multicloud ibride aperte. Questa partnership permette ai clienti di eseguire Red Hat OpenShift sull’hypervisor AHV di Nutanix e di utilizzare le funzionalità di storage, networking, gestione e sicurezza incorporate nella soluzione HCI di Nutanix per un ambiente Kubernetes ottimizzato. La piattaforma Cloud Nutanix e l’hypervisor AHV sono anche certificati per Red Hat Enterprise Linux. I clienti possono così implementare carichi di lavoro virtualizzati e containerizzati su un’infrastruttura iperconvergente, sfruttando i vantaggi combinati delle tecnologie cloud ibride aperte di Red Hat e delle offerte iperconvergenti di Nutanix.