La Nasa ritarda il lancio del telescopio James Webb a causa del maltempo

La Nasa ritarda il lancio del telescopio James Webb a causa del maltempo

La nuova data è il 25 dicembre 

Il James Webb Space Telescope era finalmente pronto per il lancio dopo 14 anni di sviluppo. La Nasa aveva autorizzato una revisione e dato il via libera al lancio, che avrebbe dovuto avvenire il 24 dicembre. Sfortunatamente, le cattive condizioni meteorologiche hanno spinto l’agenzia a ritardare ancora una volta il progetto. James Webb decollerà dallo spazioporto europeo nella Guyana francese su un razzo Arianespace Ariane 5 il 25 dicembre, tra le 7:20 e le 7:52 ora orientale. Il viaggio verso la destinazione durerà un mese.

Il lancio è stato ritardato numerose volte in passato per un motivo o per l’altro: la Nasa aveva fissato una data a ottobre dopo un rallentamento dello sviluppo a causa della pandemia, poi novembre e infine dicembre. L’agenzia (e i suoi partner) hanno quindi mirato al 18 dicembre, prima di rimandare il tutto al 22 dicembre. Ma il team di James Webb aveva bisogno di più tempo per ispezionare il telescopio e assicurarsi che nulla fosse danneggiato durante un incidente accaduto durante i test. Il suo lancio è stato ritardato al 24 dicembre a causa di un problema di comunicazione tra il telescopio e il suo veicolo di lancio Ariane 5. 

La Nasa aveva persino organizzato una conferenza stampa, confermando che il telescopio era pronto per il lancio prima di annunciare la nuova data. Dopo che il telescopio James Webb sarà arrivato nella sua orbita vicino al secondo punto di Lagrange del sistema Terra-Sole, i ricercatori di tutto il mondo potranno usarlo per scrutare alcune delle prime galassie dell’universo, esaminare i buchi neri e valutare l’abitabilità degli esopianeti.

Leggi anche:  Sequenziato il genoma di uno degli antichi abitanti di Pompei