La selfie cam sugli smartphone del 2022 potrebbe essere sempre accesa

La selfie cam sugli smartphone del 2022 potrebbe essere sempre accesa

Tra le specifiche del nuovo Snapdragon 8 Gen 1 anche la possibilità di un sensore fotografico ‘always on’

Qualcomm ha annunciato il nuovo  processore Snapdragon 8 Gen 1 per i telefoni Android di punta la scorsa settimana. C’è un dettaglio nascosto nel mezzo delle specifiche e migliorie tecniche, che riguarda la fotocamera. Questa, stando alle caratteristiche offerte dal chip, potrà essere sempre accesa, se abilitata dai vari produttori, per abilitare metodi avanzati di riconoscimento del volto in fase di autenticazione sul terminale. Il vicepresidente della gestione dei prodotti dell’azienda, Judd Heape, ha descritto così la nuova tecnologia: “La fotocamera frontale del telefono cerca sempre in modo sicuro il viso, anche se non la tocchi o non ti alzi per accenderlo”.

Addio privacy

Questo permetterà di sbloccare lo smartphone con il viso più rapidamente ma apre anche a scenari distopici per quanto riguarda la privacy, dal momento che la fotocamera guarderà sempre ciò che ha intorno, che l’utente lo voglia o meno. Qualcomm, ovviamente, è conscia di tale problematica e in fase di presentazione ha comparato la nuova funzionalità con quei dispositivi sempre all’ascolto, come gli speaker con Assistente Google o Alexa. Ma c’è un però: gli altoparlanti possono ascoltare tutto, non registrare foto o video e, peraltro, i file memorizzati possono essere cancellati accedendo al proprio account specifico. Inoltre, gli speaker dotati di fotocamera hanno anche (non sempre ma spesso) uno sportellino di chiusura. Che fine faranno invece gli screen eventualmente catturati dallo smartphone e inviati chissà dove?

Come detto, molto dipenderà dai produttori di smartphone. Lo ha sottolineato a The Verge il vicepresidente della gestione dei prodotti di Qualcomm Technologies, Ziad Asghar: “Il consumatore potrà scegliere tra ciò che è abilitato e ciò che non lo è”. È anche possibile che i produttori non attivino nemmeno tale modalità sui loro modelli. Bisognerà aspettare e vedere cosa succederà.

Leggi anche:  Nasce un percorso formativo per sviluppare interventi robot-assistiti