Apple Glass, nuovi dettagli sugli occhialini VR e AR

Apple Glass, nuovi dettagli sugli occhialini VR e AR

La potenza di un Mac Silicon e un caricabatterie con ricarica rapida a 96 watt

L’analista esperto di Apple, Ming-Chi Kuo, continua a spoilerare notizie sulla catena di fornitura dei presunti Apple Glass, che si deve ancora capire se saranno visori AR oppure VR (o entrambi?). Secondo Chi Kuo, gli occhialini offriranno una combinazione di funzionalità di realtà aumentata e virtuale, grazie a display OLED ad altissima risoluzione, uno per ogni occhio, che mostreranno un feed della telecamera del mondo che li circonda, con un render degli ambienti virtuali.

Tuttavia, tali capacità significano che le richieste di CPU e GPU del dispositivo saranno elevate e ciò equivale a un maggiore assorbimento di energia. In effetti, Kuo afferma che Apple spedirà l’auricolare con un caricabatterie da 96 watt, lo stesso fornito con il MacBook Pro da 14 pollici.

Ciò corrisponde ai precedenti rapporti che raccontano di prestazioni uguali all’hardware Apple Silicon a bordo dei Mac. Sebbene non sia possibile tracciare una linea diretta, il MacBook Pro da 14 pollici con il caricabatterie da 96 watt è dotato di un chip M1 Pro, una CPU a 10 core e una GPU a 16 core. Inutile dire che queste specifiche sono significativamente superiori a quelle che possiamo trovare in un iPhone o persino in un iPad.

La batteria di bordo dovrà essere grande, il che contribuirà al peso del dispositivo. Ed è anche un’ulteriore prova che il prodotto avrà solo poche ore di autonomia. La prima iterazione dovrebbe essere molto costosa, con la maggior parte dei rapporti che collocano il dispositivo nella fascia di prezzo di oltre 1.000 dollari, con alcuni che parlano addirittura di 3.000 dollari. 

Leggi anche:  IBM e Samsung, le batterie del futuro dureranno una settimana

Altri suggeriscono che il modello di prima generazione sarà commercializzato principalmente come dispositivo per kit di sviluppo. Intanto, Kuo prevede spedizioni annuali nell’ordine dei 3 milioni per il 2023, che saliranno a 15 milioni entro il 2025, con il possibile arrivo di una seconda generazione nel 2024, che sarà sia più leggera e meno costosa. La maggior parte degli analisti prevede che l’azienda presenterà in anteprima i visori al WWDC di giugno o a un evento speciale in autunno, con consegne a partire dalla fine del 2022 o all’inizio del 2023.