Clusit e il World Backup Day: tre regole per mettere al sicuro i propri i dati

Trend Micro è partner AWS Healthcare Competency

Le attuali minacce – ransomware in primis – rendono necessario uno o più back up off line, non solo per i professionisti: gli esperti di Clusit, Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, spiegano come proteggere al meglio i propri dati

Il trend di crescita degli attacchi informatici non ha avuto tregua nel corso dell’ultimo anno e, oltre alla quantità, ha evidenziato un aumento della gravità degli episodi: la fotografia mostrata dal Rapporto Clusit 2022 mette in luce che ben il 79% degli attacchi rilevati nel 2021 ha avuto un impatto “elevato”, ovvero ha generato danni economici, sociali e di immagine.

Nell’ultimo anno, inoltre, gli attacchi hanno colpito tutti i settori merceologici, in maniera sostanzialmente uniforme. Sono inoltre cresciute le vittime in Europa e il cybercrime è stata la causa dell’86% degli attacchi, perpetrati tipicamente attraverso Malware e Ransomware, utilizzati dai criminali per generare profitti nel 41% dei casi.

Furto di informazioni, smarrimenti, malfunzionamenti vari, sono eventi ormai all’ordine del giorno: farsi trovare impreparati può causare a un’azienda costi elevati, danni di immagine, compromissione delle relazioni con clienti e fornitori. I problemi possono però essere importanti anche per i privati cittadini: uno su tutti, la perdita di ricordi, tipicamente foto e video, molto spesso lasciati sulla memoria di PC o telefono senza alcun backup.

“I backup sono una misura di sicurezza imprescindibile, la cui necessità è nota da almeno mezzo secolo. Proteggere i backup e assicurarne la correttezza è una condizione per assicurarne l’efficacia. È preoccupante vedere quanto spesso i dati vengono invece perduti in caso di incidenti, perché non sono fatti backup, perché non sono conservati in contesti diversi da quelli dei dati che proteggono, o perché gli attacchi ai dati riescono a raggiungere anche i backup. Il problema esiste dalle grandi aziende fino alle singole persone”, afferma Claudio Telmon, membro del Comitato Direttivo di Clusit.

Leggi anche:  Emotet in prima posizione come la famiglia di malware più diffusa nel Q1

In occasione del Backup Day, che si celebra il 31 marzo, gli esperti Clusit condividono tre regole d’oro per mettere al sicuro i propri dati:

  1. Dotarsi di un antivirus e tenerlo costantemente aggiornato
  2. Effettuare il backup quotidiano o settimanale dei propri dati – meglio se duplicato, in cloud e su un hard disk, che andrà poi staccato dal PC e messo al sicuro
  3. Adottare l’autenticazione a più fattori ogni volta che sia possibile