PC portatile? No grazie, gli operatori in prima linea preferiscono il tablet

A cura di Patrick Seidensticker, Senior Director, Product Management, Tablets, Zebra Technologies

Nell’era dell’economia on demand in cui viviamo, per poter essere competitive le aziende devono digitalizzare le proprie attività. Il ritmo del cambiamento è sempre più rapido: mentre da una parte le organizzazioni sentono forte la spinta verso un utilizzo più maturo delle nuove tecnologie, dall’altra gli addetti in prima linea necessitano di dispositivi dotati di massima capacità di calcolo e  migliore ergonomia.

Se fino a ieri parlare di tecnologie e dispositivi informatici equivaleva a pensare ai PC portatili (a lungo punto fermo per i lavoratori in prima linea), sempre più aziende oggi sentono la necessità di trasferire “sul campo” il potenziale dei computer desktop, per poter guidare l’efficienza e consentire una migliore comunicazione tra gli operatori che lavorano “in movimento”. Tuttavia, quando si prende la decisione di investire in nuove soluzioni mobile, può succedere di subire il fascino di tablet, laptop o 2-in-1 destinati al mondo consumer, perché considerati più intuitivi e di facile integrazione nei processi operativi esistenti. È invece il caso di sottolineare che i moderni tablet rugged di livello enterprise oggi eseguono il sistema operativo (OS) Android o lo stesso OS professionale Windows 10 utilizzato su desktop e portatili e possono essere altrettanto semplici da introdurre nei flussi operativi se non addirittura più adeguati alle esigenze lavorative di lungo termine.

Inoltre, i dispositivi rugged enterprise sono progettati per resistere ad ambienti difficili e sono dotati di display che li rendono facili da usare di giorno e di notte, se piove o c’è il sole, mentre i tablet destinati al mondo consumer non sempre sono in grado di rispondere a tutte le esigenze di lavoro (con il rischio di spegnersi ad esempio se utilizzati con temperature estreme, o alti tassi di umidità).

Leggi anche:  Nuova multifunzione Brother per l’home working

Per rispondere al bisogno di utilizzare soluzioni mobile di fascia alta e disporre di dispositivi con ampi display, Zebra Technologies ha disegnato robusti tablet 2-in-1 removibili, (i nuovi ET80 ed ET85 della serie ET8x), con un rivoluzionario fattore forma che rende agevole l’attività in svariati ambiti (tra cui pubblica sicurezza e amministrazione pubblica). Combinando la maneggevolezza di uno smartphone all’ampio schermo e alla potenza di elaborazione di un computer desktop, i tablet di Zebra Technologies permettono agli operatori di accedere a dati, app native e altri sistemi aziendali con grande facilità, oltre ad avere l’agilità di collaborare in tempo reale con i colleghi tramite app vocali push-to-talk e strumenti di realtà aumentata per l’assistenza in remoto.

Ogni utilizzo professionale ha comunque specifiche necessità non solo legate al fattore forma. Per questo Zebra Technologies ha reso disponibili sui suoi tablet diverse funzionalità come scanner di codici a barre integrati e lettori RFID raramente offerti con i dispositivi consumer.

Per il comparto dell’amministrazione pubblica, sia centrale che locale, i tablet e i 2-in-1 di Zebra permettono operazioni di routing e dispatch communication, funzionalità di reportistica su aspetti quali la cura dei pazienti e il monitoraggio del personale. I nuovi dispositivi supportano anche la gestione di fascicoli, il controllo di eventi/infortuni via mobile e la gestione di inventari e di applicazioni di reporting.

La serie ET8x di tablet Zebra migliora anche l’operatività nei comparti produttivi e di field service. Gli addetti al servizio di assistenza sul campo e delle utility possono utilizzare questi dispositivi per la gestione in mobilità degli ordini di lavoro, delle attività di ispezione e controllo di conformità. Nella produzione si può agevolmente migliorare il controllo qualità e le operazioni di magazzino.

Leggi anche:  Lenovo presenta la gamma di tablet premium in arrivo in Italia: funzionalità smarter e Android con 5G

Non meno importante il contributo che, scegliendo tablet aziendali rugged, si offre in termini di sostenibilità dal momento che questi possono durare fino a 10 anni, cosa praticamente impossibile con dispositivi consumer che arrivano a fine vita in uno o due anni.

Le nuove sfide di oggi insomma, richiedono alle aziende di scegliere soluzioni tecnologiche che possano supportare le diverse esigenze degli operatori. Anche se può sembrare più facile dare loro dispositivi “familiari”, con la vasta gamma di tablet rugged oggi a disposizione la scelta migliore è piuttosto affidarsi a questi ultimi: l’esperienza utente viene significativamente migliorata e gli operatori possono utilizzare set di funzioni personalizzate, strumenti di sicurezza e di comunicazione di livello aziendale di estrema versatilità e comprovata affidabilità.