La rivoluzionaria piattaforma di Zero Trust Network Access per ambienti di lavoro ibrido

La rivoluzionaria piattaforma di Zero Trust Network Access per ambienti di lavoro ibrido
Maurizio Erbani, direttore generale di Bludis

Bludis-Perimeter 81: una partnership che guarda allo scenario di lavoro ibrido e al modo migliore per metterlo in completa sicurezza

Bludis – distributore a valore aggiunto con più di 25 anni di esperienza nella distribuzione di soluzioni IT e nella fornitura di una vasta gamma di servizi a valore aggiunto rivolti a rivenditori, system integrator & internet service providers – rafforza la propria offerta nei comparti cloud e network security attraverso l’accordo con l’azienda israeliana Perimeter 81, portando sul mercato italiano la rivoluzionaria piattaforma di Zero Trust Network Access per ambienti di lavoro ibrido.

Quella con l’azienda israeliana è l’ultima delle partnership siglate in ottica zero trust da Bludis che prosegue così il suo impegno nel fornire soluzioni alle sempre più complesse esigenze dei clienti, tra forza lavoro ibrida e annesse problematiche di sicurezza.

Perché scegliere di lavorare in ottica Zero Trust?

Grazie all’approccio Zero Trust, “mai fidarsi, verificare sempre”, i responsabili IT possono proteggere l’infrastruttura riducendo significativamente la superficie di attacco attraverso un sistema di autenticazione e verifica costante, consentendo agli utenti l’accesso a specifiche risorse aziendali – afferma Gianluca Marianecci, pre-sales manager di Bludis.

Con questo approccio la difesa aziendale diventa proattiva, riducendo significativamente il rischio di incorrere in un data breach.

In particolare, lo Zero Trust Network Access aiuta le organizzazioni a gestire l’accesso alla rete per ambienti on-premise e cloud rivoluzionando il modo in cui i dati vengono protetti.

La partnership con Perimeter 81

In questo scenario che vede proliferare gli ambienti di lavoro ibridi e crescere a dismisura le preoccupazioni relative alla sicurezza aziendale, si inquadra l’accordo tra Bludis e Perimeter 81.

Leggi anche:  HermeticWiper, un nuovo malware usato per colpire obiettivi Ucraini governativi

«L’intesa con Perimeter 81 rappresenta un passo importante e un arricchimento prezioso della nostra offerta, volta a dare sempre maggiori garanzie ad un ambiente aziendale ibrido che chiede soluzioni e le chiede in fretta» commenta Maurizio Erbani, direttore generale di Bludis.

Perimeter 81, nominata nel 2021 da Forrester New Wave Leader nello Zero Trust Network Access, si è rapidamente fatta largo sui mercati IT internazionali ponendosi come valida alternativa ai tradizionali dispositivi di sicurezza legacy come VPN e firewall. La soluzione israeliana rappresenta lo strumento ideale per la gestione dell’infrastruttura di rete aziendale nello scenario lavorativo ibrido odierno sia in modalità MSP che di gestione IT tradizionale – racconta Maurizio Erbani.

«Piattaforma cloud-based che garantisce la sicurezza della rete in un unico servizio scalabile, economico e facile da utilizzare; Perimeter 81 assicura ai dipendenti un accesso sicuro alle risorse critiche aziendali on-premise, sul web o nel cloud. Il tutto in un’architettura Zero Trust, vale a dire che ogni utente ha accesso solo alle risorse di cui ha bisogno e che la sicurezza resta garantita indipendentemente dalla posizione, con un accesso diretto e sicuro alle applicazioni e ai servizi anche in ambienti multi-cloud, indipendentemente dal dispositivo usato. Tutto da un’unica dashboard» spiega Leonardo Gaistot, head of channel sales EMEA & LATAM di Perimeter 81.