La Wikimedia Foundation ha smesso di accettare donazioni di criptovalute

La Wikimedia Foundation ha smesso di accettare donazioni di criptovalute

L’anno scorso l’organizzazione ha ricevuto circa 130.000 dollari in cripto

La Wikimedia Foundation (WMF), l’organizzazione dietro Wikipedia, ha annunciato che non accetterà più donazioni in criptovaluta. In un aggiornamento, la fonazione afferma di “aver deciso di interrompere l’accettazione diretta della criptovaluta come mezzo di donazione”. Inoltre, afferma che chiuderà il suo account Bitpay, impedendo qualsiasi contributo futuro in criptovaluta. Dopo una lunga discussione con quasi 400 membri della comunità WMF, la maggioranza ha votato per eliminare i contributi in criptovalute da 234 a 94. Alcuni degli argomenti principali riguardavano le implicazioni ambientali del Bitcoin, il rischio di truffe, nonché il fatto che la fondazione ottiene una quantità molto bassa di donazioni in criptovaluta rispetto ad altre forme di pagamento. 

WMF ricorda di aver ricevuto 130.100 dollari di donazioni in criptovaluta nel 2021, pari solo allo 0,08% dei contributi totali ricevuti. Wikimedia ha iniziato ad accettare donazioni in Bitcoin Cash ed Ether nel 2014, ma una serie di problemi ha spinto l’organizzazione a rivalutare questa politica. Molly White, editrice di Wikipedia di lunga data e creatrice di Web3 Is Going Just Great, ha proposto al WMF di smettere di accettare donazioni di criptovaluta a gennaio, sostenendo che contraddice l’impegno dell’organizzazione per la sostenibilità ambientale, segnalando che la Wikimedia Foundation sostiene investimenti “intrinsecamente predatori”. “Sono davvero felice che la Wikimedia Foundation abbia implementato la richiesta della sua comunità; una decisione etica dopo molte discussioni ponderate”, ha detto White in una dichiarazione a The Verge. “Ci sono troppi problemi con le criptovalute perché qualsiasi potenziale donazione valga il costo di legittimazione del mezzo”.

Leggi anche:  Facebook e Instagram rimuoveranno i post che offrono pillole abortive