5G e rivoluzione wireless WAN

5G e rivoluzione wireless WAN

La connettività è il principale abilitatore della trasformazione digitale, dà vita a nuovi servizi e consente di sfruttare pienamente il cloud e le tecnologie emergenti per collegare uffici, fabbriche, negozi, dispositivi IoT, veicoli e smart worker, in modo flessibile e veloce.

Rappresenta un prerequisito indispensabile, perché contare su infrastrutture digitali di elevata qualità e ad alta velocità significa per le aziende operare con strumenti capaci di rispondere alle sempre nuove necessità. In Italia, il ritardo infrastrutturale dal punto di vista della connettività colpisce in particolare le aziende che si trovano lontano dalle grandi città, dove la fibra via cavo non arriva e i tempi di attivazione delle reti tradizionali rischiano di essere eccessivamente lunghi e, pertanto, incapaci di rispondere alle esigenze di agilità del business di oggi, oltre a non adattarsi per definizione a nuovi ambiti d’suo, come i servizi in mobilità, l’IoT, i chioschi multimediali e le reti dei temporary store. Questo è lo scenario dal quale partire per comprendere perché, come attestato anche da IDC, il futuro delle aziende sarà sempre più “wireless-first” ovvero la connessione di persone, oggetti e luoghi sfrutterà sempre più le potenzialità delle reti cellulari 5G e 4G LTE anche negli ambienti business.

Già nel 2021 le reti private 4G LTE – in cui il traffico privato è protetto e i servizi di comunicazione sono disegnati specificamente per supportare applicazioni in cui qualità dei servizi, tempi di latenza e capillarità sono essenziali per il business – hanno saputo guidare la trasformazione della connettività. Inoltre, i nuovi prodotti e servizi 5G sviluppati sono già estremamente significativi, in particolare in settori come il manufacturing e il warehousing e, più in generale, per il settore industriale.

Si tratta quindi di una rivoluzione già in atto, con previsioni che vedono ricavi per le reti wireless private 5G e 4G LTE destinati a superare gli 8 miliardi di dollari entro il 2026, con una crescita del 30% all’anno. Oggi, sempre più organizzazioni utilizzano la connettività wireless nella propria infrastruttura aziendale. In ambito retail, per esempio, è ormai indispensabile per fare fronte ai picchi di traffico durante i periodi di alta stagionalità negli acquisti. Appare sempre più evidente la propensione verso l’adozione di una connessione 5G o 4G primaria per la propria enterprise wide area network (WAN). Il punto, quindi, non sarà capire se in futuro la Wireless WAN avrà un ruolo in azienda, ma come rimodellerà la capacità di rete dell’azienda stessa e quali scenari di business sarà in grado di abilitare.

Leggi anche:  Marco Barra Caracciolo, la famiglia prima di tutto

Dalle smart city alla videosorveglianza, dalle ambulanze connesse alle esperienze di viaggio sempre più coinvolgenti, fino alla rivoluzione degli acquisti nel negozio del futuro, la wireless WAN e il 5G si fanno strada creando nuovi servizi e ridefinendo il modo con cui noi ci rapportiamo ad essi. Essere accanto alle aziende oggi significa aiutarle a guardare a queste nuove opportunità, garantendo loro quell’accessibilità, disponibilità e velocità di cui hanno bisogno per poterne cogliere il pieno potenziale.

Le soluzioni di rete wireless 5G svolgeranno, infatti, un ruolo fondamentale per lo sviluppo del nostro Paese nei prossimi mesi e per le aziende sarà fondamentale non solo adottarle ma poter monitorare in tempo reale la qualità e le prestazioni delle nuove reti, visualizzare le statistiche e fare previsioni, il tutto mantenendo un pieno controllo e intervenendo da remoto quando necessario. Questa è la vera promessa di una tecnologia cloud-based e di una connettività “intelligente” per le reti cellulari che già oggi è in grado di fare la differenza.

Lorenzo Ruggiero, area director Southern Europe di Cradlepoint (Gruppo Ericsson)