Guai per Twitter, informatore parla di una spia cinese in azienda

Guai per Twitter, informatore parla di una spia cinese in azienda

Peiter Zatko ha riferito che il social aveva sul libro paga un agente del Ministero della Sicurezza di Stato cinese

Durante un’audizione con la commissione giudiziaria del Senato, l’ex capo della sicurezza di Twitter diventato informatore, Peiter Zatko, ha gettato nuova luce sulle affermazioni secondo cui le pratiche di sicurezza lassiste dell’azienda hanno danneggiato la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Tra le nuove accuse c’era che la società avesse un agente cinese che lavorava per il Ministero della Sicurezza di Stato (MSS) del paese sul libro paga.

Nel corso del colloquio, il senatore Chuck Grassley ha dichiarato che “l’FBI ha notificato a Twitter la presenza di almeno un agente cinese nella società”. Nella versione pubblica della sua denuncia, Zatko ha detto di essere stato avvertito che la società stava assumendo “uno o più” persone che “lavoravano per conto di un’altra particolare agenzia di intelligence straniera”. Ma la versione della denuncia resa pubblica, parte della quale è stata redatta, non specificava a quale paese si riferisse l’FBI.

Nella testimonianza, Zatko ha confermato che la compagnia era stata avvertita della presenza di agenti cinesi. “Sono stato informato forse una settimana prima che fossi licenziato”, ha detto Zatko, che ha anche espresso preoccupazione per la presenza di agenti stranieri da altri paesi, tra cui l’India. Non è comunque la prima volta che Twitter deve fare i conti con la presenza di agenti stranieri sul suo libro paga.

Un ex lavoratore del social è stato recentemente condannato per aver agito come agente per l’Arabia Saudita. I pubblici ministeri hanno affermato che l’uomo è stato pagato per consegnare informazioni sensibili sui dissidenti. Zatko ha affermato che il pericolo rappresentato dagli agenti stranieri era ancora maggiore a causa di molti fattori: la grande quantità di dati raccolti dalla piattaforma e la sua mancanza di comprensione di tali dati, nonché l’accesso ampio e in gran parte illimitato che gli ingegneri di Twitter hanno ad essi. 

Leggi anche:  I legislatori statunitensi indagano sull'uso di energia delle società di criptovalute

Il CEO di Twitter, Parag Agrawal, sarebbe stato invitato a testimoniare all’udienza, ma ha “rifiutato di comparire”. “Ha rifiutato l’invito di questo comitato a comparire sostenendo che avrebbe messo a repentaglio il contenzioso in corso di Twitter con Elon Musk” ha detto il senatore Grassley, riferendosi alla battaglia legale per l’acquisizione della società per un ammontare di 44 miliardi di dollari da parte del fondatore di Tesla. “Proteggere gli americani dall’influenza straniera è più importante del contenzioso civile di Twitter nel Delaware. Se queste accuse sono vere, non vedo come il signor Agrawal possa mantenere la sua posizione su Twitter in futuro” la conclusione.