Capgemini agente e motore del cambiamento digitale

Capgemini agente e motore del cambiamento digitale

Nel 2023 previsto un aumento della domanda di servizi cloud da parte delle imprese italiane. Falleni: «digitalizzazione opportunità chiave per rimanere competitivi»

«La nostra presenza globale in più di 50 paesi ci permette oggi di godere di un vasto patrimonio di esperienze e competenze, che abbraccia diversi settori, tra cui i comparti consumer goods & retail, energy & utilities, financial services, public, telecommunications, media, automotive, aerospace & defence, manufacturing & life sciences. Questa capillarità ci consente di portare alle organizzazioni il meglio delle soluzioni individuate in tutto il mondo, dalla strategia, alla progettazione, alle operation. In Italia abbiamo 20 sedi che coprono tutto il territorio nazionale e più di 8.700 dipendenti e stiamo portando avanti un importante piano di crescita che prevede l’assunzione di circa 3.300 nuove risorse entro la fine del 2022». A dirlo è Andrea Falleni, amministratore delegato di Capgemini in Italia, società che supporta le aziende e le pubbliche amministrazioni nel loro percorso di trasformazione digitale e di business utilizzando al meglio tutto il potenziale della tecnologia e creando una reale innovazione. Un processo fondamentale, in cui il colosso informatico made in France è in prima linea.

«Il 2022 è stato contrassegnato da tre importanti avvenimenti: nel primo trimestre abbiamo finalizzato una partnership con BNL BNP Paribas per innovare i sistemi di core banking IT della banca, con l’obiettivo di creare una piattaforma aperta, resiliente e all’avanguardia» – afferma Falleni. «L’accordo ha comportato il trasferimento delle attività di sviluppo applicativo e manutenzione del core banking di BNL BNP Paribas e delle relative risorse a Capgemini Finance Tech, società interamente controllata da Capgemini. Abbiamo lanciato in Italia Capgemini Invent, la linea di business in ambito strategia, design, innovazione e trasformazione del Gruppo Capgemini, che include i servizi di intelligent industry ed enterprise transformation e anche inaugurato la sede italiana di frog, part of Capgemini Invent, la nostra creative consultancy che offre ai clienti competenze nell’ambito del product & service design e del marketing strategico combinando la storica competenza di frog nel design creativo end-to-end e la consolidata esperienza di Doing nella brand strategy e nella customer experience».

Leggi anche:  Kyocera Document Solutions Italia stringe una partnership con Infominds

PUNTARE ALLA SOSTENIBILITÀ

Capgemini è tra le prime aziende a livello mondiale ad aver ottenuto la convalida dei propri obiettivi net zero in conformità al nuovo Net-Zero Standard dell’SBTi. «Come Gruppo abbiamo deciso di puntare alla riduzione del 90% delle emissioni entro il 2040, e stiamo contribuendo attivamente nel definire nuove metodologie che favoriscano interventi virtuosi ed efficaci in materia di cambiamento climatico» – spiega Falleni. «Ci impegniamo inoltre ad aiutare i nostri clienti a tagliare almeno 10 milioni di tonnellate di CO2 entro il 2030. In questo contesto, riteniamo sia importante sensibilizzare le aziende sull’importanza dei dati nel raggiungimento dei propri obiettivi net-zero. La nostra ricerca intitolata “Data for Net Zero: Why data is key to bridging the gap between net zero ambition and action” mostra infatti che le imprese che misurano e utilizzano i dati sulle emissioni nel loro processo decisionale hanno registrato nel 50% dei casi progressi più rapidi verso il raggiungimento del net zero, registrando una riduzione media delle emissioni del 4,6 per cento».

I TREND TECNOLOGICI PER IL 2023

«Oggi le tecnologie digitali sono in evoluzione» – sottolinea l’AD di Capgemini in Italia. «L’intelligent industry favorisce le sinergie tra il mondo digitale e quello ingegneristico. La convergenza di tecnologie quali robotica avanzata, AI e big data, realtà virtuale e aumentata e IoT aggiunge precisione, efficienza, produttività e personalizzazione delle soluzioni, mentre 5G ed edge ne supportano l’evoluzione. Il cloud è, in particolare, una delle aree strategiche su cui il nostro Paese sta puntando molto. In questo scenario Capgemini ha un ruolo chiave di agente del cambiamento mettendo a disposizione dell’intero ecosistema di imprese italiane un supporto concreto in termini di competenze, strategia e tecnologie. Il nostro scopo è permettere ai nostri clienti un vero salto di competitività mettendoli in condizione di cogliere tutte le opportunità derivanti dalla digitalizzazione».