Connettività: le previsioni di Cradlepoint per il 2023

Il futuro della connettività è senza rete

Gli esperti Cradlepoint (Gruppo Ericsson) condividono la loro esperienza per prevedere quale sarà l’evoluzione del networking nel 2023. Ecco i 5 trend che possiamo aspettarci nel settore

1. I router e gli adattatori 5G supereranno quelli 4G per i siti fissi

Con gli operatori di tutto il mondo che continuano a mettere a disposizione sempre più spettro a banda media, prevediamo che i responsabili IT acquisteranno più router e adattatori 5G rispetto ai modelli 4G. La scelta sarà motivata principalmente da due fattori: rendere future-proof le reti e beneficiare delle performance dei deployment su banda media, che rafforzeranno ulteriormente la fiducia nell’ultima generazione cellulare.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

La crescita dei dispositivi 5G per l’IoT sarà meno rapida rispetto a quella per i siti fissi, poiché molte applicazioni che richiedono un’elevata disponibilità di banda sono ancora in fase di sviluppo. Anche la rapidità di adozione di dispositivi 5G a bordo dei veicoli sarà inferiore a quella dei siti fissi, perché gli acquirenti avranno budget più contenuti e saranno più concentrati sulle sfide di propagazione. – James Weaver, Sr. Director of Product Marketing, Cradlepoint

2. L’adozione della wireless WAN continuerà ad accelerare

Nel 2023, le organizzazioni dei Paesi che hanno subìto particolari difficoltà a seguito della pandemia o che hanno dovuto affrontare disastri naturali e quelle che stanno vivendo un rapido sviluppo saranno in testa alla classifica della crescita della wireless WAN. Settori come l’edilizia, la sanità e l’industria manifatturiera saranno tra i principali driver della crescita.

Le organizzazioni continuano a espandersi ben oltre le sedi fisse e utilizzano sempre più flotte di veicoli e dispositivi IoT per restare competitive in un mondo sempre più digitale, in cui la tradizionale connettività cablata non risulta più sufficiente. Assisteremo a un’adozione sempre più ampia delle wireless WAN, che forniscono una connettività affidabile, sicura e flessibile, contribuendo a migliorare le operations e il servizio clienti. Grazie a questi vantaggi, non sorprende che IDC stimi che entro il 2024 il “wireless first” sarà la soluzione più diffusa per la connettività distribuita. – Donna Johnson, Vice President of Marketing, Cradlepoint

Leggi anche:  Rosenberger OSI presenta VersaTray: un sistema di supporti altamente modulare per il cablaggio dei data center

3. Sfruttare congiuntamente le strategie SD-WAN e ZTNA sarà fondamentale

Il 2023 sarà un anno cruciale per l’adozione del 5G, con le reti 5G standalone che diverranno sempre più disponibili. In questo contesto, assisteremo a un’impennata nell’adozione della SD-WAN, che svolgerà un ruolo fondamentale nel supportare le aziende a passare dalle WAN cablate alle WAN wireless. Con il deployment da parte dei carrier delle reti 5G standalone, la tecnologia SD-WAN diventerà un requisito necessario per implementare il network slicing all’edge della WAN aziendale, per identificare, classificare e indirizzare le applicazioni verso le network slice appropriate.

Allo stesso tempo, le aziende riconosceranno il valore del coniugare una strategia ZTNA con la SD-WAN, poiché l’implementazione di entrambe con il 5G faciliterà la transizione della connessione cellulare da connessione di failover, a connettività primaria e secondaria. – Camille Campbell, Senior Product Marketing Manager, Cradlepoint

4. L’adozione del 5G privato accelererà in numerosi settori e stimolerà la concorrenza

Nel 2023, con nuovi vendor, modelli di consumo e partnership, i deployment del Private 5G aumenteranno in molti verticali, quali manufacturing, education, logistica, retail e numerosi altri. Secondo una ricerca IDC, infatti, il mercato mondiale del LTE/5G privato raggiungerà un fatturato di 8,3 miliardi di dollari nel 2026. Come agli albori del Wi-Fi, anche il mercato del 5G privato è affollato, ma l’ecosistema si evolverà, facendo emergere leader (come Ericsson), consolidamenti e operatori di nicchia.

Se le aziende vorranno distinguersi, sarà indispensabile che siano in grado di supportare un’ampia gamma di casi d’uso in tutti i settori verticali, di mantenere un forte ecosistema di canale, di essere reattive alle esigenze dei clienti e, soprattutto, di fornire loro la migliore esperienza end-to-end. Il deployment di una rete cellulare privata presenta attualmente molte complessità e offre l’opportunità di rivoluzionare la situazione proprio attraverso la semplicità. – Matt Addicks, Sr. Solutions Marketing Manager, Cradlepoint

Leggi anche:  Fisico e digitale, l’importanza della sicurezza per le reti di nuova generazione

5. Il 5G e la containerizzazione IoT saranno al centro dell’evoluzione dell’edge computing

Nel 2023 assisteremo al primo vero dispiegamento del potenziale dell’IoT e del 5G in concomitanza con l’evoluzione dell’edge computing. In particolare, la containerizzazione della tecnologia IoT lancerà l’edge computing multi-access nella sua nuova fase, in cui le capacità di elaborazione e di decisione saranno sempre più real-time. Tutto ciò, unito alle maggiori prestazioni e alla minore latenza del 5G, fa sì che l’edge computing nell’IoT riesca ad arrivare dove i cavi non arrivano o dove non sono economicamente convenienti da installare, dando vita a una nuova fase dell’edge computing. – Dee Dee Pare, Senior Product Marketing Manager, Cradlepoint