Tesla, dal 30 novembre partono le spedizioni del Cybertruck

L’autopilota di Tesla sotto inchiesta in seguito a un incidente mortale

Difficile pensare ad una distribuzione di massa all’inizio, con un acquisto solo negli Usa per clienti selezionati

Dopo anni di ritardi e riprogettazioni, Tesla ha annunciato che il Cybertruck potrà finalmente essere visto sulle strade pubbliche durante le festività natalizie. Le consegne del tanto atteso SUV EV di lusso inizieranno a clienti selezionati a partire dal 30 novembre, prima che il veicolo entri in piena produzione il prossimo anno, presso la Gigafactory in Texas. Secondo ultime notizie, l’architettura elettrica del veicolo sarebbe stata riprogettata per adattarsi a uno standard di 800 volt, rispetto ai 400 volt dell’attuale gamma Tesla. Molti modelli di veicoli elettrici di lusso, ad alte prestazioni e per impieghi gravosi – dall’Audi e-Tron al GMC Hummer EV – utilizzano l’architettura a 800 V, che consente ai veicoli elettrici con grandi capacità di caricarsi a una velocità superiore (riducendo così i tempi di ricarica) senza ridurre il cablaggio.

“Molte persone sono entusiaste del mezzo”, ha dichiarato Musk ai giornalisti durante l’incontro con gli investitori. “Lo sono anch’io, ho guidato la macchina, è un prodotto incredibile. Voglio sottolineare che ci saranno enormi sfide per raggiungere la produzione in volumi con il Cybertruck e per renderlo positivo per il flusso di cassa. Questo è normale quando si ha un prodotto con un sacco di nuova tecnologia, ma soprattutto uno così diverso e avanzato. Richiederà un lavoro extra per permettere alla gente di comprarlo”.

Per quanto riguarda le linee di modelli esistenti, la produzione e le consegne di Tesla sono entrambe in calo in questo trimestre, di circa il sette per cento o di circa 30.000 unità rispetto al secondo trimestre dell’anno, ma sono ancora significativamente più alte su base annua, con un aumento di circa 100.000 unità, rispetto al 2022. Quest’anno la casa automobilistica EV ha ridotto ripetutamente i prezzi dei suoi veicoli, prima a marzo, poi di nuovo a settembre (con uno sconto del 20% sul prezzo di listino) e ancora una volta all’inizio di ottobre. La Model X, ad esempio, ha iniziato il 2023 con un prezzo di vendita al dettaglio di 120.990 dollari – attualmente è in listino a 79.990 dollari. I modelli S (ora 74.990 dollari), Y (52.490 dollari, con un calo del 24% rispetto a gennaio) e 3 (38.990 dollari, con un calo del 17%) hanno registrato cali di prezzo simili. In totale, Tesla riferisce che il costo dei beni venduti per veicolo è sceso a circa 37.500 dollari nel terzo trimestre.

Leggi anche:  DJI Enterprise presenta DJI Dock, il nuovo sistema robotico di sorveglianza con drone

Musk aveva già spiegato in precedenza la sua disponibilità ad abbassare i prezzi e a sopportare margini ridotti se ciò si sarebbe tradotto in un aumento del volume delle vendite. “Penso che abbia senso sacrificare i margini a favore della produzione di più veicoli”, ha dichiarato a luglio. “Un calo sequenziale dei volumi è stato causato dai tempi di inattività programmati per l’aggiornamento degli stabilimenti. Il nostro obiettivo di volume per il 2023 di circa 1,8 milioni di veicoli rimane invariato”, ha scritto Tesla in un comunicato stampa a ottobre. Nel terzo trimestre, l’azienda ha consegnato circa 435.059 veicoli a livello globale e continua ad aumentare gli investimenti nello sviluppo dell’intelligenza artificiale, avendo “più che raddoppiato” la quantità di potenza di elaborazione dedicata all’addestramento dei sistemi di IA dei veicoli e del robot Optimus, rispetto al secondo trimestre. Lo stesso Optimus, secondo quanto riferito, sta ricevendo aggiornamenti hardware e viene addestrato tramite l’IA, piuttosto che con un software “hard-coded”.