Clusit, “tutelare la privacy per salvaguardare la società digitale e le istituzioni”

Clusit, “tutelare la privacy per salvaguardare la società digitale e le istituzioni”

Alla vigilia della Giornata europea per la protezione dei dati personali, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica ribadisce l’importanza di investire in data protection

La vitale connessione tra cyber security e privacy appare ogni giorno più evidente: come emerso anche dai dati del più recente Rapporto Clusit, quotidianamente vengono violati sistemi con l’obiettivo primario di esfiltrare informazioni, a scopo di lucro, di spionaggio o di azioni dimostrative. Negli ultimi 5 anni si è registrata a livello globale una crescita degli incidenti cyber dell’86%, con una media di quasi 8 attacchi gravi al giorno nel 2023; nel primo semestre dello scorso anno il 9,6% degli attacchi complessivi ha riguardato vittime italiane.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

In tutti i casi, le informazioni personali, come dati finanziari, informazioni mediche e dettagli identificativi, sono un obiettivo primario per gli attaccanti. Tuttavia, come afferma Gabriele Faggioli, presidente di Clusit: “Tutelare la privacy oggi non riguarda solo il rispetto dei diritti individuali, ma ha profonde implicazioni per la società digitale e la stabilità delle istituzioni”.

“Guardiamo al 2024 come l’anno in cui governi, organizzazioni e individui dovranno affrontare la sfida di bilanciare l’innovazione tecnologica con la protezione dei dati personali”, ha proseguito Faggioli. “Il lavoro delle istituzioni, con la creazione e l’aggiornamento di leggi robuste sulla privacy – per esempio a fronte della rapidissima integrazione di tecnologie di Intelligenza Artificiale in prodotti e processi – con l’implementazione di misure di sicurezza avanzate e la promozione di una cultura della consapevolezza, saranno essenziali per garantire che la data protection rimanga al centro delle strategie di business e governance delle imprese”.

“Investire nella data protection non è solo un atto di conformità, ma una decisione per preservare la fiducia, la sicurezza e il futuro di individui e società”, conclude Faggioli.

Leggi anche:  NIS2: l’era del multirischio