Apple rallenta la produzione di iPhone 5: vendite sotto le attese

Il Wall Street Journal fa sapere che Apple ha ridotto gli ordini ai fornitori per i componenti dell’iPhone 5. Le opzioni sono due: richieste al di sotto delle attese o si avvicina il lancio di uno smartphone low cost

Sembrava che l’iPhone 5 sarebbe stato un successo di mercato straordinario, anche migliore dei modelli precedenti, ma forse non sarà così.

Apple stoppa i fornitori

Il Wall Street Journal ha saputo che Apple ha ridotto drasticamente la fornitura di componenti per l’iPhone 5 già dal mese scorso. Sembra che Cupertino abbia dimezzato gli ordini per gli schermi da 4 pollici e di altri pezzi che compongono l’ultimo modello di smartphone della Mela per il trimestre di gennaio-marzo. Una mossa del genere potrebbe significare che gli ordini per l’iPhone 5 sono stati molto di sotto alle attese. Oppure una riduzione della fornitura potrebbe essere legata all’imminente lancio del nuovo iPhone low cost mini. A corroborare l’indiscrezione c’è un articolo del Nikkei dove si afferma che molti partner giapponesi di Apple per i display stanno cercando nuovi cliendi.

Per la prima volta “in stock”

All’inizio Foxconn non riusciva nemmeno a gestire l’enorme quantitativo di ordini e il boom in Cina dell’ultimo smartphonme della Mela aveva fatto ben sperare. L’offerta di iPhone 5 è riuscita a soddisfare la domanda solo nel corso della metà del mese di dicembre, quando vari Apple Online Store internazionali hanno indicato lo smartphone come “in stock” per la prima volta sin dal lancio avvenuto alla fine del mese di settembre. Ora sembra che l’interesse dei fan di Cupertino stia via via calando, forse per concentrarsi sulle ultime novità che Apple ha in serbo.

Leggi anche:  Prysmian Group accelera il suo impegno verso la sostenibilità