Apple si lancia nella musica streaming con Daisy Beats?

Sarebbe vicino un accordo tra le due aziende per accostare ad iTunes una piattaforma di fruizione musicale a pagamento

Dopo YouTube tocca ad Apple. Il CEO Tim Cook ha incontrato di recente il produttore hip-hop Jimmy Iovine, che è anche CEO di Beats Electronics, per discutere del progetto Daisy, un servizio di musica in streaming in abbonamento. Reuters aveva riportato dell’incontro proprio ieri, contribuendo ad alimentare le voci che la Apple possa offrire musica a pagamento in streaming proprio affidandosi al progetto Daisy. Beats è posseduta in parte da un rivale di Apple, la HTC, che più di una volta ha sponsorizzato il sistema di amplificazione Beats nei modelli di fascia alta.

Il cambio di modello

Tuttavia secondo Iovine il vero business che sta per scoppiare è proprio quello della musica in streaming, così Beats non si lascerà scappare l’occasione con il lancio di Daisy, piattaforma di musica in grado di competere con Spotify e Deezer. Proprio ieri l’azienda ha annunciato di aver ricevuto finanziamenti pari a 60 milioni di dollari da alcuni finanziatori privati, guidati dal miliardario Len Blavatnik, proprietario della Warner Music.

Il Progetto Daisy

“Beats ha sempre aiutato le persone a riscoprire il piacere di ascoltare la musica – ha detto Iovine in una dichiarazione nel comunicato di ieri – ora che siamo sulla buona strada per portare qualità alla riproduzione audio con cuffie e altoparlanti, Daisy ci permetterà di reintrodurre la stessa magia della scoperta della musica e della sua fruizione”. Come è stato annunciato a gennaio, Trent Reznor nei Nine Inch Nails sarà responsabile creativo di Daisy.

Leggi anche:  Digitalizzazione e sostenibilità per il nuovo futuro dell’Italia