Come seguire i Mondiali 2014 su Facebook, Twitter e Google

Una breve guida per scoprire come utilizzare internet e i social media per vivere la Coppa del Mondo in Brasile

Le principali piattaforme di social media, Facebook, Twitter e Google (anche con il suo Plus) si preparano ad accogliere foto, video, commenti e considerazioni sui Mondiali che partono tra qualche ora. Ma a differenza di quattro anni fa, quando la Spagna si portò a casa la Coppa del Mondo dal Sud Africa, questa volta il web è pronto per offrire altro rispetto ai semplici risultati sportivi. Non serve nemmeno andare troppo lontano: dal 2010 molte cose sono cambiate per i tre attori principali, che adesso sono pronti per farci vivere i veri Mondiali 2.0.

Facebook 

Si parte con la pagina dei trend sulla Coppa del Mondo, che funziona in maniera molto simile agli aggregatori di Twitter. anche se con un dettaglio minore. Partendo dai posto che usano l’hashtag #mondiali, sulla pagina “Mondiali – In evidenza” è possibile leggere le notizie che riguardano i prossimi incontri, scoprire la “mappa dei tifosi” e aggiungere il proprio contenuto sui mondiali. In Italia, al momento, ci sono 23.300.000 di tifosi.

Twitter

Tutto parte dall’hashtag #WorldCup2014 che è anche una pagina del microblog dove trovare tutti i tweet relativi alla kermesse calcistica. La finestra principale mostra i tweet più rilevanti da persone famose, squadre e amici nella propria rete. Sul lato destro c’è l’accesso rapido agli account ufficiali dei team partecipanti mentre sulla parte sinistra è possibile vedere le partite in corso e le successive. C’è anche un carino “easter egg”: come nel 2010, usando l’hashtag con le prime tre lettere del proprio paese, apparirà la bandiera della nazione all’interno del tweet. 

Leggi anche:  WhatsApp pensa a una controversa funzione fotografica

Google

Volendo fare un paragone veloce, Google è un po’ indietro rispetto ai primi due social network. Molto dipende dall’assenza di un hashtag ufficiale da usare sulla piattaforma con la conseguenza che ognuno usa un po’ quello che vuole, causando un bel po’ di confusione sul network. Tuttavia anche Big G fornisce degli strumenti utili per vivere la Coppa del Mondo in maniera più digitale. Prima di tutto c’è il box di ricerca che mostrerà i risultati in tempo reale quando si digitano termini correlati alla Coppa del Mondo. Su Google Trends si può invece dare un occhio a “ciò che il mondo vuole sapere durante il campionato mondiale”. Anche gli utenti su smartphone e tablet sono coinvolti: quando si accede a Google Now il sistema chiederà se si è interessati a ricevere aggiornamenti sulle partite, scegliendo la squadra favorita. E se proprio volete sentirvi parte del pubblico durante le partite, fate un salto negli stadi brasiliani con il tour di Street View.