Gli USA rieducano i pirati con sei allarmi

Il Center for Copyright Information con il supporto di alcuni provider statunitensi ha realizzato un sistema che limita, ma non esclude, l’accesso alla Rete di coloro che, nonostante sei avvertimenti, continuano a scaricare illegalmente contenuti coperti da copyright

Antigua ha dichiarato guerra agli Stati Uniti diventando una vera e proprio isola di pirati informatici e gli USA rispondono introducendo un sistema di segnalazione che, se ignorato, porta ad una limitazione all’accesso ad Internet.

“Six strikes”

In Francia coloro che vengono pescati per 3 volte a scaricare illegalmente contenuti dalla Rete vengono puniti con la disconnessione definitiva. Il nuovo sistema statunitense è invece più “morbido” nel castigare i pirati, per il semplice fatto che il suo obiettivo è quello di rieducarli. Il Center for Copyright Information (CCI) con il supporto di grandi provider come Verizon, Time Warner, Cablevision, Comcast e AT&T, ha creato il Copyright Alerts System (CAS), un sistema che invia al pirata 6 notifiche che gli consigliano di utilizzare sistemi legali per il download di contenuti in Rete. Se gli avvertimenti non vengono colti l’accesso ad Internet viene limitato per un certo periodo di tempo.

Verizon ha spiegato che come punizione per i pirati recidivi la banda sarà ridotta a 256 Kbps per un periodo massimo di due o tre giorni.

La guerra del Copyright

Secondo un studio dell’American Assembly chiamato Copy Culture Survey chi usa file sharing come Mega compra il 30% di musica in più di coloro che non condividono file in Rete. Questo non ha fermato i Governi, come sottolineato da Google e Twitter nei loro “Rapporti di Trasparenza”, dall’iniziare una vera propria e crociata contro la violazione di copyright, in particolare contro il nemico per eccellenza Kim Dotcom e la sua nuova creatura. La verità è che le leggi che riguardano questa problematica sul Web sono ancora inadeguate e soprattutto anacronistiche, vista l’importanza che le reti peer-to-peer hanno oggi assunto.

Leggi anche:  PNRR, un’opportunità da non perdere per accelerare la modernizzazione della Pubblica Amministrazione