Google batte l’Antitrust: Google.com rimarrà uguale a prima

Google non cambierà faccia. La conferma arriva direttamente da fonti della Comunità Europea che hanno affermato che nell’accordo fra Big G e l’Ue non è prevista la modifica della visualizzazione dei risultati sul motore di ricerca di Montain View

Google vs Antitrust

Il colosso del web era stato accusato nel vecchio continente di limitare l’agire dei propri inserzionisti e di limitare la visibilità dei servizi concorrenti, rischiando così una multa pari al 10% del fatturato annuo. L’ultima proposta inviata a Bruxelles, dopo che la prima era stata considerata “migliorabile” e la seconda “inadeguata“, sembra abbia sancito la definitiva vittoria di Google nella tenzone con l’Ue. Il Comissario Joaquin Almunia ha ritenuto infatti l’ultima soluzione di Big G “significativamente migliorata”. Gli ultimi dati raccolti dall’Ue hanno infatti permesso di dire che con le nuove policy la concorrenza è stata ristabilita. La risposta definitiva arriverà dai feedback degli utenti e di 125 competitor.

La proposta di Google

Google ha proposto all’Ue di rendere visibili i link dei concorrenti con testi dinamici e loghi. Google AdWords darà più spazio ai piccoli inserzionisti mentre per quanto riguarda gli editori questi potranno bloccare la pubblicazione dei propri articoli sul motore di ricerca senza perdere nulla dal lato dell’indicizzazione e non saranno più costretti ad usare in esclusiva il servizio di Big G, che istituirà una figura apposita per controllare che le norme siano applicate alla lettera per i prossimi 5 anni.

Per quanto riguarda gli utenti non cambierà granché. Gli utilizzatori del motore di ricerca potranno scegliere di nascondere i risultati dei concorrenti di Google con un semplice clic. L’operazione sarà valida per tutte le categorie.

Leggi anche:  Bertazzoni: l'umanesimo industriale fondamentale per costruire il futuro