Google Reader sta per chiudere, chi ne raccoglierà lo scettro?

Per TechCrunch i più accreditati a raccogliere l’eredità di Google Reader sono Feedly e Digg Reader. Non bisogna però dimenticare Facebook, Yahoo!, Twitter e tutti gli altri

Fra tre giorni Google Reader sparirà con grande delusione degli utenti. Ora si cerca il degno erede dell’aggregatore di news feed più utilizzato. Chi sarà a raccoglierne lo scettro?

Digg e Feedly i più quotati

Al momento i bookmaker danno come vincitori uno fra Digg Reader e Feedly. Come sottolinea TechCrunch, però, si tratta solo di “alternative, non veri sostituti”. La piattaforma di DevHD è la più simile al servizio di Google ma non è ancora disponibile l’opzione per ricercare i contenuti. Digg Reader invece può raccogliere i file in cartelle e permette di visualizzare i trend ma anche qui manca la possibilità di trovare da sé le notizie e non si possono applicarvi le parole chiave.

Gli altri concorrenti

Facebook Reader sembra il meno quotato a raccogliere l’eredità della piattaforma di Google. Il nuovo sistema ideato a Menlo Park sembra destinato soprattutto alle piattaforme mobili, aspetto in cui il servizio di Big G era maggiormente carente. Seguono poi Yahoo! che ha acquistato Summly, Twitter, LinkedIn con Pulse, AOL Reader, FlowReader e la stessa Google con Wavii.

Leggi anche:  Fastweb, i risultati economico finanziari del 2020