A IBM l’infrastruttura IT globale di Fiat, Chrysler e CNH

Confcommercio, InfoCert e Sixtema insieme per l’innovazione delle PMI

IBM, insieme con Fiat Spa, il Gruppo Chrysler e CNH Industrial, annunciano un accordo strategico pluriennale per la gestione dell’infrastruttura IT e dei servizi che ne sostengono quotidianamente l’esercizio e, nello stesso tempo, per favorire le tre organizzazioni internazionali nello sviluppo di nuove opportunità di innovazione

Nel perimetro dell’accordo rientrano la gestione dell’infrastruttura e l’hosting della soluzione di posta per gli oltre 150mila dipendenti a livello mondiale.

Fiat e Chrysler hanno stabilimenti in 40 paesi servendone oltre 150, mentre CNH Industrial produce in oltre 20 nazioni e opera commercialmente in 190 territori. L’ampia infrastruttura globale, affidata a IBM in qualità di partner principale, comprende mainframe, midrange e storage presenti nei data center americani di Detroit e St. Louis, in quelli italiani di Torino e Milano e nel sito brasiliano di Hortolandia.

“Combinare i servizi di infrastruttura IT di Chrysler e Fiat, per ottenere un’unica capacità di livello globale, è un passo cruciale nella creazione di una struttura operativa potente, agile e capace di sostenere la strategia di crescita della nostra azienda” dichiara Scott Sandschafer, Chief Information Officer di Chrysler Group.

“Questo accordo, estensione di una partnership decennale con IBM – spiega Gilberto Ceresa, CIO di Fiat Spa – continuerà a fornire l’innovazione tecnologica, le capacità di global delivery e l’efficienza nei costi che sono necessari per ottimizzare e incrementare il nostro giro d’affari in tutto il mondo”.

“CNH Industrial e gli 11 brand globali che guidano il nostro business hanno alle spalle una ricca storia di innovazione tecnologica che risale a più di 170 anni fa” ricorda Domenico Cipollone, Head of ICT Demand Management and Projects e Co-CIO di CNH Industrial.

Per Stefano Firenze, Head of ICT Infrastructure and Service Delivery e Co-CIO di CNH Industrial “l’estensione della partnership con IBM apre nuove strade all’efficienza, alle economie di scala, all’innovazione e alla crescita della nostra azienda, permettendoci di condividere e di fare leva, con Fiat e ora con Chrysler, non solo sulle risorse tecnologiche ma anche sulle competenze globali e le conoscenze in aree chiave come la sostenibilità”.

Leggi anche:  "Un click per la Scuola": 3,4 milioni di euro donati alle scuole italiane