Digita come mangi: Meal Planning Solution

Le ricerche di marketing per la grande distribuzione alimentare sostengono che, in media, ogni persona predilige sempre un menù che contenga le stesse 10 pietanze e che il 70 per cento dei consumatori va al supermercato senza un’idea precisa su cosa comprare.

C’è una novità nel mondo delle tecnologie: “Meal Planning Solution”, un nuovo e pioneristico software che dà la possibilità di farsi consigliare da una macchina il pasto ideale rispetto alle proprie caratteristiche fisiche. E’ un’ idea del colosso Kraft ed è sviluppato con le tecnologie Intel.

La macchina in oggetto è un consigliere e fornitore di cibi per ogni tipologia umana, è un chiosco che ha una tecnologia avanzata e che per ora è un prototipo presentato a metà gennaio a New York. Lo strumento esamina il viso del possibile cliente e poi decide il suo menù: per un napoletano un piatto di pasta al ragù, mentre per un parigino forse meglio un gruzzolo di proteine, magari un hamburger. Se il cliente accetta, il pranzo è servito!

Il software è un ava, anonymous video analytics, è dotato di sensori video che non solo intercettano quante persone si sono fermate davanti ad un certo oggetto/messaggio, ma anche di quale tipologia umana si tratti, perché è fornito di un database di prototipi umani collegato alla telecamera.

Quindi, davanti al chiosco, la telecamera farà una fotografia al viso del potenziale cliente, confronterà le misure con i dati presenti nel suo archivio, facendo in modo di schedare e categorizzare il dato in una tipologia umana da lui riconosciuta.

Quando i supermarket fiuteranno il business e includeranno il chiosco nei loro spazi, sarà facile far usare la loro carta fedeltà per ottenere il servizio. Quindi avranno la possibilità di conoscere il passato degli acquisti fatti e registrare le preferenze del cliente, risparmiando di presentare lo stesso pasto due volte di fila. C’è anche la possibilità per il cliente di scaricare un’applicazione sul proprio smartphone e aiutare la macchina a perfezionarsi.

Leggi anche:  Indra investe in “The Overview Effect” per guidare la transizione verso la sostenibilità aziendale