TV, la nuova tentazione di Apple

La nuova tentazione di Apple? La TV. Se ne parla da tempo, ma non sembra ancora che la casa della mela ne sia proprio del tutto convinta

Insomma, si stanno facendo esercitazioni in vista di un possibile sbarco che introdurrebbe un passaggio importante: dal semplice set of box, disponibile negli Stati Uniti a 99 dollari, a una offerta basata su un vero e proprio prodotto. Sulla stampa americana è stata data notizia in questi giorni di una serie di test  che Apple starebbe conducendo con alcuni produttori asiatici, tra questi Foxconn e Sharp. Non è ancora un progetto formale – si avverte – ed Apple potrebbe non precedere oltre, fanno notare alcuni analisti.

La nuova tentazione

E’ questione nota che la dimensione televisiva sia un qualcosa su cui Apple, di tanto in tanto, fa affermazioni che lasciano presupporre un reale interesse con l’obiettivo di realizzare un prodotto che affiancherebbe quelli attualmente esistenti. E poi, è ovvio: per quale motivo si dovrebbero iniziare test tecnologici se non esistesse una vera motivazione? Solo una settimana fa, Tim Cook, aveva affermato che la televisione costituisce un’area di elevato interesse per Apple. Lo è stata sin dai tempi di Steve Jobs e il focus si è progressivamente raffinato.

Definire un sistema di relazioni

Vi sono da risolvere tutti i rapporti con i fornitori di contenuti. Così come è stato fatto per il mercato discografico, così potrebbe avvenire per il mercato televisivo. Certo, il passaggio al nuovo paradigma iTunes non è stato rapido, occorre definire un sistema di relazioni, un sistema di compensi, incentivi, redditività fondati sui contenuti. La logica che muove e ha sempre mosso Apple per tutte le nuove tecnologie promosse negli ultimi anni è stata quella di creare un ecosistema “applicativo” che riuscisse a fare leva sul dispositivo tecnologico di consumo, sia esso iPhone o iPad. Stessa cosa dovrebbe accadere per l’iTV.

Leggi anche:  Capitale umano e lavoro ibrido priorità dei CEO fino al 2023

Quale possibile design?

Un monitor a marchio Apple dovrebbe creare una discontinuità con quanto reso disponibile fino a questo momento sul mercato. Stiamo parlando di design, un fattore che è sempre stato il differenziale rispetto alla concorrenza. Per quanto riguarda la TV il prodotto cui necessariamente si dovrà confrontare un dispositivo Apple potrebbe essere quello di Bang & Olufsen oppure Loewe, eccellenza tecnologica e di design. In questo caso la possibilità di superare il sofisticato design dei competitor è tutt’altro che semplice. La vera differenza potrebbe nascere dal “sistema” TV che Apple potrebbe introdurre.