Ufficiale il Moto X, primo smartphone “assemblato”

Approfittando delle celebrazioni del 4 luglio Motorola presenta il nuovo logo e lancia l’amo per il prossimo Moto X

Non è più un segreto o un semplice rumor. Ora il Moto X è ufficiale e sarà prodotto interamente negli Stati Uniti nello stabilimento a Fort Worth in Texas. Il Made in USA torna di moda non solo per i più patriottici ma anche per questioni puramente economiche. Con la crisi mondiale converrebbe di più assumere tecnici all’interno del paese piuttosto che affidarsi ad aziende terze. La nuova pubblicità lanciata ieri spiega come il Moto X sarà il “primo smartphone che potrà essere progettato da sé”. Senza avere ulteriori dettagli quello che si può immaginare è che ci saranno cover personalizzabili, magari in ordine online, e tante variazioni di colore. Ma in fondo quello che interesserebbe maggiormente sarebbe la possibilità di personalizzare l’interno del dispositivo, dalla RAM alla scheda grafica.

pubblicità moto x google

Nuovo corso nel segno di Google

Gli smartphone sono molto diversi da altri prodotti di tecnologia – ha detto a The Verge Brian Wallace, VP-global brand e product marketing di Motorola – sono più vicini a scarpe e orologi perché li portate dietro ovunque andiate. Ognuno vede che telefono avete e ti giudicano su questo“. Wallace ha rifiutato di commentare quali aspetti del Moto X saranno disponibili per la personalizzazione e anche l’annuncio non mostra il telefono ma vi è quella sorta di anticipazione molto vicina ad “atteggiamento da Google”, proprietaria di Motorola. La pubblicità, apparsa su quotidiani e testa nazionali da ieri, mostra anche il nuovo logo della società con la scritta “A Google company”. 

Leggi anche:  L'esercito americano finanzia una fascia modulare per aiutare i soldati a dormire meglio